Peppa Pig, presto il salto di qualità al cinema

Warner Bros porterà al cinema nelle date dell’11 e 12, 18 e 19 gennaio la maialina più amata dai bambini: Peppa Pig. Fenomeno editoriale e televisivo, oltre al boom nelle vendite dei gadget ispirati al cartoon. Astley Baker Davis, casa produttrice del cartone animato britannico, forse non immaginava tanto successo, ma gli episodi sono seguitissimi dal pubblico dei più piccoli – tra 0 e 5 anni la fascia target – e dai genitori forse stanchi del maialino rosa che ormai invade gli screen, dalla TV allo smartphone, dal tablet alle piattaforme di gaming.

Un successo forse dovuto alla natura naif del personaggio; alla semplicità dei paesaggi raffigurati, al pari di quelli tratteggiati dai più piccoli sui fogli da disegno; al linguaggio narrativo altamente comprensibile; al fine educativo degli episodi. Un mix di ingredienti ha determinato un fenomeno che ha del virale, come virale è la sensazione di rigetto indotta nei genitori, spettatori passivi di un cartoon ormai parte del loro quotidiano.

Il cinema mancava nel portafoglio di canali “invasi” da Peppa, ed ecco che la Warner ha pensato di bersagliare anche il grande schermo con le quattro giornate-evento calendarizzate all’ingresso dell’anno nuovo. “Peppa, vacanze al sole ed altre storie“: 10 episodi tratti dall’ultima serie televisiva trasmessa dal cartoon, la sesta. Sempre 5 minuti sarà la durata di ognuno, per una durata complessiva di 50 minuti.

I dati pubblicati da Vivaki – relativi all’audience televisivo riscontrato sui canali generalisti nel mese di ottobre – riportano come fascia oraria più vista sul canale Rai Yo Yo quella 20-21, nella quale va in onda Peppa Pig (505.000 spettatori il picco della puntata del 10 ottobre). Nel mese di novembre è stato lanciato l’esperimento delle puntate serali anche in lingua inglese, dopo la prima sperimentazione nella fascia mattutina. L’esperimento adesso si sposta in sala.

Ricerca personalizzata