Platini apre alle espulsioni temporanee

In questo periodo il regolamento del calcio ha dovuto tener testa alle tante proposte avanzate dai più disparati organi per migliorare “il più bel gioco del mondo”. Dalla sempre attuale moviola, ai timeout proposti dal commissario tecnico Prandelli, fino ad arrivare al cartellino azzurro di cui vi parlammo qualche tempo fa.

A lanciare la proposta però non è stato un personaggio qualunque, ad esporsi è stato il presidente della UEFA Platini che al quotidiano sportivo As ha parlato della sua idea di introdurre le espulsioni temporanee in sostituzione dei cartellini gialli: “Vorrei cambiare il sistema delle ammonizioni. Nel rugby esiste già l’allontanamento temporaneo degli atleti dal campo, nel calcio potremmo fare la stessa cosa, per 10′ o 15′. In questo modo si darebbe la possibilità agli avversari di beneficiare immediatamente di un vantaggio. Per adesso è un’idea che deve maturare, ma può diventare una proposta da analizzare.”

Questa sarebbe una rivoluzione non da poco per noi “ultimi romantici” di quel calcio che sta pian piano scomparendo, ma metterebbe quel pepe in più alle partite e sicuramente garantirebbe uno spettacolo mai visto prima. Siamo però un pò scettici su questa proposta, ci vediamo solamente un’altro modo per uccidere il gioco e per non favorire il regolare sviluppo della partita, la quale sarebbe soggetta a troppi condizionamenti che non provengono dal campo.

Platini ha poi anche parlato delle coppe nazionali, secondo lui è diritto di tutte le vincitrici delle varie coppe avere accesso diretto alla Champions League ma l’argomento è delicato e non tutti sono in linea con l’ex gioiello della Juventus: “Sono d’accordo con questa possibilità, spesso dibattuta. Ma, quando arriva il momento di votare, i Paesi che non vogliono dare un posto al vincitore della coppa nazionale sono sempre in maggioranza. Alcuni di loro non hanno nemmeno un torneo che assegna la coppa nazionale”

Ricerca personalizzata