Punk e Sex Pistols in mostra a Bologna

L’esposizione From Sex to Punk – visitabile fino al 10 dicembre alla Galleria Ono Arte Contemporanea di Bologna – è basata principalmente sulle immagini di John Tiberi, fotografo (oggi collezionista e mercante d’arte) che alla fine degli anni 70 lasciò il gruppo musicale dei Clash per diventare con McLaren tour manager dei Sex Pistols.

Dal sesso al punk, punto di partenza e punto d’arrivo della parabola dei Sex Pistols, gruppo musicale la cui vita è stata caratterizzata da scandali e tensioni, voglia di trasgressione e una continua ostentazione di look stravaganti. La storia dei Sex Pistols e forse anche la storia del punk inizia a Londra nel 1974, al 430 di King’s Road, Chelsea. “Sex” è il nome del negozio d’abbigliamento e dischi rock che Malcom McLaren prese in gestione nel 1972 con la compagna Vivienne Westwood.

Le immagini di John Tiberi riescono a farci ripercorrere le varie trasformazioni del negozio, parallelamente alle vite degli eccentrici personaggi che lo frequentavano e vi lavoravano. Il Sex infatti è famoso per essere stato il luogo delle prime audizioni dei Sex Pistols di cui McLaren era manager e soprattutto ideatore, ed è proprio in quel luogo di culto che McLaren conosce i primi membri del gruppo (che allora si chiamava The Strand ). E ancora è proprio qui che nel 1975 McLaren incontra Johnny Rotten, scelto quasi esclusivamente per il suo look insolito, dato che Rotten non sapeva cantare.

I Sex Pistols iniziarono la loro carriera con l’intento principale di pubblicizzare i prodotti venduti al 430 di King’s Road, tanto che lo stesso nome del gruppo deriva da quello di una t-shirt commercializzata nello spazio stesso. E le t-shirt, insieme ai prodotti BDSM, altro non erano che le geniali creazioni di colei che sarebbe diventata una delle stiliste più influenti del XX secolo, Vivienne Westwood, trasformando il look punk in un vero e proprio stile di vita.

Nell’ingresso su due piani della galleria bolognese, il visitatore viene accolto dalle immagini del negozio Sex, alcune delle quali sono state trasformate in grandi pannelli quasi a parete intera. Nella seconda sala ci sono gli scatti della tournée nel Nord Europa dei Sex nel 1977 (Berlino, Oslo, Stoccolma), con qualche foto di altri tour, come quello a Parigi. In entrambi gli spazi si susseguono foto di scena riprese dallo stesso Tiberi sul set della Grande truffa. Nella terza sala infine troviamo riproduzione di magliette e scatti di altri fotografi.

Ricerca personalizzata