Rendere meno stressante la giornata lavorativa è possibile

“Il lavoro è vita, senza quello esiste solo paura e insicurezza” diceva John Lennon; purtroppo non è sempre così dato che per la maggior parte delle persone la giornata lavorativa è un vero e proprio trauma. Svegliarsi la mattina presto, fare colazione e andare al lavoro, chiudersi per minimo otto ore in una stanza, compilare pratiche su pratiche al computer, il tutto in maniera davvero frenetica e stressante. Questa è la routine di un normale lavoratore in tutto il mondo, sottoposto a un eccessivo stress dal mattino alla sera. Ecco però qualcosa che fa al caso vostro: lo sapevate che un sondaggio statunitense riportato da PsyBlog afferma che la psicologia incide sul luogo di lavoro ideale? Ecco cinque consigli da seguire.

Evitare gli open-space

Gli  open-space  favoriscono il lavoro di squadra e la comunicazione, almeno in teoria. Negli Stati Uniti questo problema è stato oggetto di analisi di numerosi sondaggi; in circa 300 casi analizzati è stato riscontrato che la maggior parte delle persone che ha avuto questo tipo di esperienza non lo consiglia a causa dei numerosi problemi come ad esempio mancanza di privacy, rumore e distrazione. Inoltre le persone che lavorano in uffici privati sono molto più felici rispetto a quelle che lavorano in uffici pubblici.

La scrivania deve essere ordinata o disordinata?

L’ordine o il disordine sono due fattori che incidono in maniera diversa ma non necessariamente negativa sul concetto del luogo di lavoro ideale. Al contrario delle dicerie popolari, la scrivania disordinata non è segno di mente disordinata, ma di grande creatività mentre la scrivania ordinata è segno di una buona condotta e metodicità. Entrambe le situazioni quindi presentano un risultato a sé stante che dipende però dall’obiettivo prefissato dal lavoratore.

Creare una playlist con le proprie canzoni preferite

Lavorare in silenzio per tutto il giorno non è sempre produttivo. Un modo per concentrarsi meglio è ascoltare la musica, possibilmente canzoni che ci piacciono; questo perché essa suscita emozioni negli uomini, magari dandogli la forza per finire il proprio lavoro e migliorando le performance nei momenti in cui la produttività è carente e nascondendo le distrazioni che sarebbero molto più udibili in una stanza silenziosa. Creare una playlist, cioè una lista di canzoni gradite al nostro udito, può essere un’ottima soluzione per rilassarsi e dedicarsi con più attenzione al proprio lavoro.

Ridurre l’affaticamento degli occhi quando fissiamo lo schermo del pc per tutto il giorno

Altro fattore a cui prestare attenzione è senza ombra di dubbio la salvaguardia della vista. Molti di noi lavorano al pc durante il giorno e questo per i nostri occhi non va affatto bene. Gli oculisti su questo sono concordi nel dire che ogni persona che lavora con un computer debba fare una pausa di almeno 10/15 minuti ogni ora e di rivolgere lo sguardo verso un oggetto distante più di 5 metri, in modo tale da consentire all’occhio di riposarsi, oltre ad evitare spiacevoli emicranie.

Un ufficio con un bel panorama

E’ cosa risaputa che la natura riesca a rilassare il corpo e la mente; studi scientifici dimostrano che stare in mezzo alla natura aiuta la funzione cognitiva. Il luogo di lavoro ideale, qualora avesse questa caratteristica, potrebbe migliorare la memoria di quasi il 20%. Davvero un grande aiuto per chi usa mezzi multimediali, soprattutto per chi ha a che fare con numeri e statistiche.

Ricerca personalizzata