Ritorna l’ecobonus e fondi per l’assistenza ai malati

    Dopo la famosa afferemazione del Ministro dell’Economia Tremonti, in base alla quale sarebbero serviti 1,5-2 miliardi di euro, per fare fronte alle richieste minime di spese per il 2011, e dopo che il bonus per la ristrutturazione degli edifici, nel senso di una maggiore efficienza energetica era stato accantonato, per motivi di budget, adesso ritorna il cosiddetto “ecobonus”. Trattasi della possibilità di ristrutturare un edificio, detraendo il 55% delle spese relative dal reddito, se tali spese siano servite per rendere più efficiente l’edificio, da un punto di vista energetico. La novità, però, è che il bonus verrà spalmato non più su 5 anni, come avviene oggi, ma su 10 anni.

    Il costo di questo emendamento è di circa 1,8 miliardi. 

    Ulteriori novità, sul fronte dell’assistenza domiciliare a soggetti affetti da malattie, come la sclerosi multipla; potranno accedere a un fondo di 800 milioni, messo loro a disposizione.

    Ricerca personalizzata