Sanremo 2014 e i selfie di Francesco Sàrcina. Cosa c’è dietro?

Succede tutto nella seconda puntata del Festival di Sanremo 2014: Francesco Sàrcina ha appena ricevuto la conferma da Clemente Russo che Nel tuo sorriso ha passato il turno. Tutto succede in pochi istanti, il cantante estrae lo smartphone e scatta, sull’Ariston, un selfie che lo ritrae con la platea gioiosa e sorpresa. La scena si ripete anche la sera successiva, quando l’ex frontman de Le Vibrazioni si fotografa con il suo direttore d’orchestra, il maestro Beppe Vessicchio.

La moda del selfie è ormai diventata gettonatissima. Gli autoscatto invadono le bacheche di tutti i social network, da Facebook a Twitter e, diciamola tutta, ogni persona, nella sua vita, ne provata a fare almeno una. Non sono più soltanto un modo un po’ egocentrico di farsi notare, ma anche un tentativo di esprimere emozioni con il mondo, anche quando nessuno può scattare una foto.
Sicuramente Sàrcina avrà pensato questo, nel momento di scattarla: ha immortalato quella sua prima volta all’Ariston e con essa tutte le emozioni e l’adrenalina che si era liberata dopo la proclamazione.

L’idea dell’autoscatto sul palco, però, non è di Sàrcina. Radio Kiss Kiss, infatti, ha chiesto ai suoi telespettatori cosa avrebbe dovuto fare il cantante mentre si esibiva, o comunque sul palcoscenico.

Il giorno successivo si ha la conferma definitiva: Francesco Sàrcina deve fare un selfie sul palco dell’Ariston:

L’artista ha colto la sfida ed è questa la foto che ne è derivata:

Non contenti, però, i conduttori di KissKissMyAss hanno deciso di inventarne un’altra, grazie all’appoggio vivo di alcuni simpatici ascoltatori. Il cantante avrebbe dovuto “Twerkare”, cioè, dal dizionario Oxford Online, ballare una musica famosa in un modo sessualmente provocante, coinvolgendo i movimenti di spinta dell’anca in una posizione accovacciata.

Anche se la tv non ha immortalato questo momento, è comunque arrivato il selfie del cantante con Beppe Vessicchio, a ulteriore prova che non ha dimenticato ciò che la radio gli aveva detto di fare.

Il pubblico a casa, ignaro del patto tra la radio e il cantante, rende Francesco Sàrcina uno dei più folli artisti su quel palcoscenico di Sanremo 2014.

Ricerca personalizzata