Sanremo 2014, la Gialappa’s Band e il ritorno dell’irriverenza

Con l’arrivo di Sanremo 2014, ecco che tornano anche loro, quelli della Gialappa’s Band, che dal 17 al 22 febbraio commenteranno, in quel modo irriverente che solo loro sanno fare, le cinque serate del Festival con Noi dire Sanremo. Ma l’appuntamento non sarà solo radiofonico bensì anche radiovisivo su Radio RTL 102,5. Ad annunciarlo sono stati proprio loro attraverso un tweet dal loro profilo Twitter.

Questa per la Gialappa’s Band non è la prima esperienza come commentatori ironici del tanto atteso Festival della canzone italiana di Sanremo per la radio. Difatti già attraverso Radio Rai intrattenevamo i numerosi fans con i loro commenti salaci su conduttori, cantanti in gara ed ospiti, questo fin quando la Rai diede loro il benservito, cancellando la trasmissione.

Il trio, dopo un anno di pausa, a ben dire forzato, ritornarono con Noi dire Sanremo su Radio RTL 102,5, dove si ritrovano quest’anno dopo aver passato due anni, con la stessa trasmissione, ospiti di R101.

Davvero un faticoso peregrinare per la Gialappa’s Band, al secolo Giorgio Gherarducci, Marco Santini e Carlo Taranto, che ritornano così quest’anno alla radio che diede loro asilo dopo il “fattaccio” Rai, RTL 102,5, dove gli ascoltatori potranno anche vederli tramite i canali Dtt e Sky della stazione radio.

Primo appuntamento il 17 febbraio dalle ore 21, in contemporanea con l’inizio dello spettacolo dal palco dell’Ariston, un giorno prima dell’inizio del Festival, tanto per acclimatarsi e commentare le ultime indiscrezione provenienti dal backstage. Si va avanti fino al 22 febbraio, serata della finale. Senza dubbio salaci saranno i commenti sui due conduttori Fabio Fazio e Luciana Littizzetto, come su quelli dei tanti ospiti, veri o presunti, che delizieranno le cinque serate del Festival.

Ancora incerta è invece la messa in onda dell’altrettanto atteso Mai dire Grande Fratello, data la mancanza di una data d’inizio a seguito dell’incendio che distrusse la famosa “casa”, mentre pare quasi certa la loro trasmissione legata ai prossimi Mondiali di calcio in Brasile.

Ricerca personalizzata