Sanremo 2014, Renzo Arbore all’Ariston dopo 28 anni [VIDEO]

Prosegue la scia amarcord di Sanremo 2014.
Che devo fare per finire su internet? Qui a Sanremo, se non fai qualcosa di strano… esordisce così Renzo Arbore, raccontando la sua tv.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=4J0o7M3PgGg[/youtube]

Fabio Fazio regala una spilla a nome della Rai con il simbolo della rete, il cavallo.
Il cantautore ringrazia la rete, seppur non indossando la spilla, e intrattiene il pubblico con qualche battuta sulla vecchiaia che avanza, Ho fondato la amnesy international, ride. Susseguono una serie di freddure, suscitando un po’ di imbarazzo nel pubblico.

L’atmosfera si scalda durante l’esibizione de “Ma la notte no”, coinvolgendo il pubblico vecchio e giovane.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=voAC4TYrOIY[/youtube]

Non mancano le belle parole per la sua terra, quella che gli ha dato tutto: Napoli ha una bellezza straordinaria ma è sofferente e trascurata. Il suo inno e tributo è Reginella, dedicata a uno dei maggiori esponenti della canzone napoletana, Roberto Murolo. Il modo in cui l’ha interpretata, dolce e accorato, fa sognare la platea dell’Ariston.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=GEcBKCGsG-c[/youtube]

Renzo Arbore, parlando in un inglese maccheronico traducendo direttamente dal napoletano, approfittando della mondovisione grazie a Rai Italia, sfora un po’ dal palinsesto in programma aggiungendo Comme Faccette Mammete, in una versione riveduta e corretta.

Quanno mámmeta t’ha fatta,
quanno mámmeta t’ha fatta…
Vuó’ sapé comme facette?
vuó’ sapé comme facette?…

Pe’ ‘mpastá sti ccarne belle,
pe’ ‘mpastá sti ccarne belle…
Tutto chello ca mettette?
tutto chello ca mettette?…

Ciento rose ‘ncappucciate,
dint”a mártula mmescate…
Latte, rose, rose e latte,
te facette ‘ncopp”o fatto!…

Nun c’è bisogno ‘a zingara
p’andiviná, Cuncè’…
Comme t’ha fatto mámmeta,
‘o ssaccio meglio ‘e te!…

E pe’ fá ‘sta vocca bella,
e pe’ fá ‘sta vocca bella…
Nun servette ‘a stessa dose,
nun servette ‘a stessa dose…

Vuó’ sapé che nce mettette?
Vuó’ sapé che nce mettette?…
mo te dico tuttecosa…
mo te dico tuttecosa:

nu panaro chino, chino,
tutt”e fravule ‘e ciardino…
Mèle, zuccaro e cannella:
te ‘mpastaje ‘sta vocca bella…

Nun c’è bisogno ‘a zingara
p’andiviná, Cuncè’…
Comme t’ha fatto mámmeta,
‘o ssaccio meglio ‘e te…

E pe’ fá sti ttrezze d’oro,
e pe’ fá sti ttrezze d’oro…
Mamma toja s’appezzentette,
mamma toja s’appezzentette…

Bella mia, tu qua’ muneta!?
bella mia, tu qua’ muneta!?
Vuó’ sapé che nce servette?
vuó’ sapé che nce servette?…

Na miniera sana sana,
tutta fatta a filagrana,
nce vulette pe’ sti ttrezze,
che, a vasá, nun ce sta prezzo!

Nun c’è bisogno ‘a zingara,
p’andiviná, Cuncè’…
comme t’ha fatto mámmeta,
‘o ssaccio meglio ‘e te…

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=0zn3tM2dCok[/youtube]

Sanremo ha potuto fregiarsi anche dell’onore del gran maestro e della sua strabiliante orchestra italiana.
Un momento di grande musica, per l’Ariston e per l’Italia nostalgica.

Ricerca personalizzata