SCALOPPINE ALLA PIZZAIOLA

SCALOPPINE ALLA PIZZAIOLA

Informazioni:

– Ingredienti per: 4 persone

– Tempo di cottura: 20 min

– Difficoltà: Ricetta Facile

Ingredienti:

* 8 fettine di vitello

* 1 scatola di pelati

* 2 spicchi di aglio

* mezzo bicchiere di vino bianco

* olio extravergine di oliva

* origano

* sale

* pepe

Preparazione:

In una padella antiaderente far soffriggere l’aglio nell’olio. Quando l’olio sarà ben caldo far rosolare le fettine di carne da entrambi i lati e quando saranno dorate metterle da parte mantenendole al caldo.

Nella stessa padella versare i pelati, aggiungere l’origano, il sale, il pepe e fate restringere la salsa. Rimettete ora la carne nel pomodoro aggiungete il vino bianco, fare insaporire il tutto per qualche minuto e servite ben caldo.

Tagli di carne bovina:

Pesce

Descrizione

E’ un piccolo taglio di 2a categoria, molto apprezzato, costituito dall’insieme dei muscoli vicino alla gamba. Se ne possono fare bistecche con le parti esterne, da cuocere sulla brace, e si presta moltissimo a preparazioni tipo spezzatini, stracotti e stufati, e a tutte le cotture in casseruola, con aggiunta di vino, pomodoro, verdure. Inoltre è un buon pezzo da consumare bollito.

Geretto posteriore

Descrizione

Taglio di 3a categoria, detto anche muscolo, è la parte superiore della gamba. Anatomicamente è l’organo di trasmissione dell’animale, costituito da quel gruppo di muscoli che, una volta ricevuto l’impulso, lo fanno muovere. E’ particolarmente adatto per la preparazione di ossi buchi in umido e stufati, stracotti e bolliti per brodi, perché fra un muscolo e l’altro c’è un leggero strato di connettivo che rende appetibile e gustosa questa parte.

Pancia

Descrizione

E’ un taglio di 3a categoria, molto grasso e solcato da cartilagini. Richiede una certa cura nella preparazione culinaria. Con le parti meno pregiate si può fare carne macinata per preparare polpette, hamburger, ragù e polpettoni.

Fesone di spalla

Descrizione

In generale, pur rientrando nella 2a categoria di carni bovine, occorre dire che questo taglio non ha nulla da invidiare alle parti posteriori. Una volta ripulito e tagliato nel senso della larghezza, si presta ottimamente per fare bistecche, scaloppe, scaloppine, pizzaiole e, se ben battuto, anche cotolette. Le parti di ritaglio si possono macinare per preparare polpette, farciture, hamburger, ragù.

Copertina

Descrizione

Questo taglio anteriore si presta a meraviglia per preparare il bollito e vengono bene anche il gulasch o lo spezzatino.

Girello di spalla

Descrizione

La carne di girello di spalla si può confondere con le parti dei girello di coscia, tant’è simile come qualità. Con questo taglio si possono fare bistecche, arrosti nonché bolliti o stracotti.

TRUCCHI & CONSIGLI IN CUCINA

  • Fritto dal gusto più leggero: mettete nell’olio per friggere pezzetti di zenzero fresco (nei negozi di cibi esotici), quindi friggete pesce, verdure, polpette & C come di consueto.
  • Se dovete friggere alimenti un po’ molli, non facilmente manipolabili, poneteli su carta forno e metteteli in padella con la carta forno: cuocendo la carta si staccherà e si potrà togliere con facilità. Consiglio dato da Anna Moroni “alla prova del cuoco”
  • Niente odori di fritto: mescolare, in una bottiglia, 1/2 litro di olio di semi con 1/2 limone spremuto e filtrato. Chiudere la bottiglia e scuotere per emulsionare bene. Mettere in padella a scaldare e friggere. Il risultato è che non si sentono odori in casa di fritto e la frittura viene bella asciutta
  • Non buttate via le scorze degli agrumi: riunitele su una griglia e lasciatele sul fuoco a fiamma bassissima. Profumeranno la cucina e toglieranno tutti i cattivi odori, soprattutto quelli di fritto.
  • Pesce senza odori?
    Semplice: mettete nell’acqua di bollitura qualche foglia di alloro.

Ricerca personalizzata