Novità in vista per WhatsApp, la famosa applicazione di messaggistica istantanea per smartphone che nel mondo è utilizzata da oltre un miliardo di utenti e che da Febbraio 2014 è divenuta proprietà di Facebook e, di conseguenza, di Mark Zuckerberg.

Dopo le recenti modifiche, tra le quali spicca l’introduzione delle ormai famose storie (presenti anche su Instagram, altro recente acquisto di Zuckerberg), è infatti emerso che a breve anche per la chat più discussa della rete sarà introdotta la possibilità di scambiarsi denaro, un progetto analogo a quello già disponibile (per ora sono negli Stati Uniti) per la chat Messenger di Facebook.
Secondo le prime voci, il progetto verrà testato in India, dove WhatsApp conta circa 200 milioni di utenti attivi, rappresentando di conseguenza il mercato principale.

La notizia è stata diffusa dal sito indiano The Ken che ha previsto il lancio di questa nuova funzione entro i prossimi sei mesi.
Anche il sito The Crunch proprio a Febbraio riportava che, Brian Action, uno dei fondatori di WhatsApp, si era recato in India, incontrando le autorità ed ammettendo in un’intervista che la compagnia stava considerando la possibilità di integrare dei servizi di pagamento all’interno della chat.

A quanto pare il sistema utilizzato sarà UPI (Unified Payments Interfface), un metodo di pagamento bancario sostenuto dal governo Indiano e grazie al quale gli utenti potranno trasferirsi denaro tra di loro mediante un semplice messaggio.
Un modo semplice per scambiarsi piccole somme, risolvere delle scommesse, saldare un debito o prestare dei soldi ad un amico che in quel momento ne ha particolarmente bisogno. Una piccola rivoluzione nel modo di intendere la messaggistica e l’uso degli smartphone, insomma.