Scontro Gambaro-Grillo, il Movimento 5 Stelle a rischio scissione

Ad accendere la miccia è stato lo scontro tra la senatrice Adele Gambaro e Beppe Grillo: dopo i risultati delle elezioni amministrative, il Movimento 5 Stelle è in subbuglio. Sotto i riflettori la linea del leader, i suoi continui attacchi al Palazzo che mettono in difficoltà chi nelle stanze del potere ci è entrato per cambiarle, come sempre affermato dai pentastellati.

Ora però all’interno del Movimento 5 Stelle qualcosa si è rotto: la Gambaro non è l’unica ad aver puntato il dito contro Beppe Grillo e c’è già chi parla di possibile scissione, con addirittura 30/40 parlamentari pronti a lasciare. È proprio la questione Gambaro quella che potrebbe far affondare i pentastellati: il leader ha già deciso che la senatrice deve lasciare il Movimento 5 Stelle, ma c’è chi teme che la sua espulsione possa essere l’inizio di una fuga di massa.

Non sono pochi, infatti, i parlamentari Cinque Stelle che ritengono le argomentazioni della Gambaro non troppo distanti dalla realtà: il suo addossare le colpe della debacle elettorale ai “toni e alla comunicazione di Beppe Grillo”, ai suoi “post minacciosi” è un pensiero che trova diversi deputati e senatori del Movimento d’accordo. Nonostante le dichiarazioni di facciata siano tutte a difesa del leader, nei sotterranei dei Pentastellati il malumore è evidente e potrebbe venire alla luce quando e se sarà decisa l’espulsione della Gambaro.

Proprio per questo all’interno del Movimento 5 Stelle si spera che la senatrice faccia autonomamente un passo indietro, dimettendosi: una soluzione che potrebbe evitare pericolose divisioni all’interno di un Movimento che mai si sarebbe immaginato così in tumulto dopo il successo ottenuto appena quattro mesi fa.

Ricerca personalizzata