I segreti digitali di ‘The Wolf of Wall Street’ [VIDEO]

Di The Wolf of Wall Street, l’ultima creatura dell’accoppiata Martin Scorsese – Leonardo DiCaprio, via abbiamo già parlato. Il trionfo degli eccessi e dello spirito dionisiaco contemporaneo messo in scena dal regista italo-americano è anche un film dal grande potenziale visivo, con la megalomania del protagonista, il broker Jordan Belfort (DiCaprio), espressa per mezzo di enormi yacht e villoni in riva al mare di Long Island. Ma è tutto girato dal vivo? Il contesto paesaggistico in cui si muovono gli attori è interamente reale? Niente affatto, come ci mostra questo spettacolare video pubblicato dalla casa produttrice degli effetti speciali di The Wolf of Wall Street, la Brainstorm Digital.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=pocfRVAH9yU[/youtube]

La clip esprime tutto il duro lavoro di post-produzione del film, mostrando le trasformazioni apportate dall’utilizzo della CGI (Computer-generated imagery) in alcune delle sequenze.
Si intravede ad esempio la scena ambientata all’interno dell’ufficio del banchiere svizzero Jean Jacques Saurel (Jean Dujardin) da cui è possibile apprezzare un meraviglioso panorama (sovrapposto rigorosamente grazie al digitale). Oppure ancora il passaggio del matrimonio tra Belfort e Naomi (Margot Robbie), col paesaggio ritoccato dagli effetti speciali allo scopo di essere reso maggiormente spettacolare.

Il video regalatoci dalla Brainstorm Digital ci conferma dunque due idee – strettamente connesse tra di loro – fondamentali per capire il cinema di oggi: il regista e il team di sviluppo non sono più da considerare tanto come artigiani della scenografia, quanto invece ingegneri. E in secondo luogo, lo switch al digitale ci indirizza sempre più nella corsia del cinema del futuro: non esistono più dunque solo gli effetti speciali visibili. Ogni fotogramma di un’opera è destinato a soccombere alla modernità. Sta agli attori e al regista tentare di rimanere umani.

Ricerca personalizzata