Sereni fa il Superman per i figli

    C’è una storia dietro ognuno di noi, c’è una storia che ci rende come siamo, combattiamo quotidianamente per renderla migliore, cambiarla, mantenerla così com’è.

    La storia di Matteo Sereni fa parte di quelle storie commoventi, da “C’è posta per te” per capirci. La storia è quella di un portiere di serie A, che lotta, si tuffa, para. “Tutto qui?”direte voi:”Lo pagano fior di quattrini per questo”. Non è del tutto così. Matteo Sereni aveva una motivazione in più per farlo, oltre che per la maglia e per il denaro. Il suo scopo era quello di farsi eleggere “Uomo-partita Sky”, per essere intervistato e dedicare la sua prestazione ai suoi due figli, concedendosi uno sfogo privato davanti alle telecamere.

    I suoi voli e i suoi interventi hanno permesso al Brescia di battere il Palermo e conquistare i primi tre punti della sua stagione: ” Sono contento di essere stato il migliore in campo così posso dedicare le mie parate ai miei due figli che non vedo da troppo tempo”.

    Cosa non si farebbe per i propri figli…anche l’uomo Ragno, se necessario.

    Un appello emozionato ed emozionante che, forse, toccherà anche il cuore dell’ex moglie del Silvia, alla quale in passato fu legato professionalmente, sua procuratrice ai tempi della Lazio.

    Ricerca personalizzata