Serie A, 17a giornata: volano Roma e Juve, cade la Lazio

L’ultima giornata prima della sosta natalizia si apre con i due anticipi del sabato: nel primo l’Udinese riesce a battere un buon Livorno fuori casa, nel secondo il Napoli viene bloccato al Sant’Elia sul risultato di 1 a 1, a Nenè risponde Higuaìn.

Nell’anticipo di mezzogiorno il Bologna risorge in casa grazie ad un gol del suo gioiello Diamanti, bloccando un Genoa che non trova più i 3 punti da ben 5 partite. Pioli può finalmente tornare a sorridere.

La Juventus continua la sua marcia trionfale battendo per 4 a 1 l’Atalanta a domicilio. Juve che passa subito in vantaggio con il solito Tevez (undici reti) che trafigge Consigli con un preciso diagonale, poco dopo pareggia Moralez su assist di Bonaventura. Nel secondo tempo inizia lo show bianconero grazie alle reti di Pogba (leader del centrocampo), Llorente e Vidal. Il Napoli é sempre più lontano.

A prendere le distanze dai partenopei e rimanere sulla scia dei campioni d’Italia é la Roma che in casa strapazza per 4 a 0 un Catania sempre più solo in fondo alla classifica. Primo tempo che si chiude “soltanto” sull’uno a zero per i padroni di casa grazie alla rete del prolifico difensore Benatia su assist di Destro. Nella ripresa Destro raddoppia al 55°, 4 minuti più tardi bissa Benatia e a 10 minuti dal termine chiude Gervinho su assist di Ljiaic.
Rientra Totti e la Roma vola.

Al “Mapei Stadium” di Reggio Emilia la Fiorentina riesce in extremis a superare un buon Sassuolo, grazie al gol del solito Rossi al minuto 82. I neroverdi si vedono superare dal Bologna in classifica, mentre la Viola si porta a soli tre punti dal Napoli di Benitez e torna a sognare.

Finisce 1 a 1 il match tra Sampdoria e Parma, con i blucerchiati che passano con Eder allo scadere del primo tempo.
Nel secondo tempo rispondono gli uomini di Donadoni con Lucarelli su assist di Palladino. Per la squadra di Mihajlovic é il quinto risultato utile consecutivo, per il Parma il sesto.

Il Torino conferma quanto di buono fatto vedere nelle partite precedenti sconfiggendo per 4 a 1 il Chievo.
Clivensi che passano in vantaggio con Thereau dopo 9 minuti, nella ripresa i granata infilano Puggioni prima con Immobile, che realizza una doppietta al 47° e al 65°, a chiudere i conti ci pensano Vives e l’estroso Cerci.
Toro a quota 25 vede l’Inter distante solo 3 punti, in attesa del derby di stasera.

Sempre più in crisi la Lazio di Petkovic che torna con zero punti dalla trasferta di Verona e con 4 gol sul groppone. Hellas che passa dopo 5 minuti grazie al solito Toni, pareggia 20 minuti più tardi la Lazio con Biglia, sul finire di primo tempo raddoppia per i padroni di casa Iturbe con una splendida punizione. Nel secondo tempo Romulo e ancora Toni chiudono i conti. Rischia sempre di più il posto il tecnico biancoceleste, mentre il Verona supera momentaneamente l’Inter in classifica e vede più vicina l’Europa.

Serie A che non delude neanche questa domenica, in attesa della partita più attesa, il derby di Milano.

Ricerca personalizzata