Serie A di basket: la S è muta e non si sente più in vetta

La caduta delle grandi: Cantù, Sassari, Siena e Roma cedono il passo nella 18a giornata della nostra serie A di basket. Inaspettati i tonfi delle inseguitrici di Milano, lanciatissima in prima posizione, tallonata da Brindisi, unica tra le prime otto insieme all’Olimpia a trovare i 2 punti in classifica.

La Virtus spazza via il malcontento dopo l’esonero di Luca Bechi, battendo sotto gli occhi di Rigaudeau, storica stella del basket bolognese premiato nell’intervallo della partita, una Montepaschi arrendevole e a corto di energie. Serataccia al tiro per entrambe le squadre con punteggio basso esemplificativo dei momenti di buio attraversati dai due attacchi; 57 a 54 il finale con la Mens Sana sorretta dal solo Erick Green, autore di 13 punti. Pessime le prove di Janning, 4 punti, e Carter, rimasto a secco e con un impietoso 0/4 dalla lunga distanza. Per il nuovo allenatore virtussino Valli i primi sorrisi arrivano grazie a Ware, 17 punti, e Motum ,che ne mette a referto 15.

S come sconfitta anche per Sassari, costretta ad arrendersi alla grandissima prova di Johnson e Wanamaker. Vittoria per Pistoia che supera la Dinamo 81 a 69: altra serata da dimenticare per coach Sacchetti, che vede i suoi pagare a caro prezzo la determinazione sotto canestro dei toscani, abili a rendere inoffensivi in difesa le tremende bocche da fuoco sarde. Drake Diener si ferma a quota 9 punti mentre Caleb Green chiude con 12. Per gli uomini di Moretti esaltante la prestazione di Wanamaker che sigla una doppia-doppia da 15 punti e 10 assist, mentre Johnson aprofitta dell’assenza di Gordon tra le fila sassaresi chiudendo l’incontro con 20 personali.

Altro tonfo tra le prime della classe è quello di Roma che in casa perde contro una ritrovata Avellino. 80 a 72 il finale con la squadra di Vitucci che sfrutta un Ivanov stellare, 18 punti e 12 rimbalzi, e un Thomas ,rigenerato dopo alcune prestazioni opache, che mette a referto 22 punti totali. Per l’Acea di Dalmonte Hosley da 20 punti e Goss da 26 non bastano a reggere il confronto con una Scandone cinica e accorta, abile nell’approfittare delle mani fredde di Baron (6 punti con 2/6 da tre).
Cantù ci prova, sfiora il successo, ma il recupero di una mai doma Pesaro la costringe ad una brusca frenata: 82 a 79 per le Vuelle che con questo successo cercano di mantenere vivo il sogno salvezza. 25 per Anosike, 19 per Turner e 10 per Trasolini e Petty sono sicuri lasciapassare per la volata finale, con la squadra di Sacripanti che si ferma sul più bello soffrendo enormemente la serata no di Jenkins, 0 punti, e un Aradori spento: solo 12 i punti dell’azzurro (0/3 da tre). Ragland con 18 punti e Uter da 13 punti non bastano a fermare i marchigiani che ora vedono Montegranaro a sole due lunghezze.

La Sutor dopo il miracolo contro Venezia viene fermata da un grande Kaukenas. I 24 del lituano, di cui 16 nel solo ultimo quarto, spingono Reggio Emilia al successo casalingo. 89 a 80 il finale con la squadra di Recalcati coraggiosa ma che alla lunga paga la scarsa vena realizzativa di Mayo, appena 11 punti, bloccato da un guaio muscolare. Duello tra i fratelli Cinciarini, con Daniele in maglia reggiana autore di 12 punti e 12 assist,e Andrea in maglia Sutor che chiude con 21 punti.

Milano prosegue a marce alte la sua corsa in vetta alla nostra serie A di basket, battendo, senza particolare affanno, Caserta: 61 a 43 il punteggio finale con l’Olimpia priva di Hackett, fermato da un virus influenzale. Tocca a Jerrels guidare il gioco dell’EA7, ma il play americano dopo la notte stellare di Eurolega, torna sulla terra chiudendo con appena 5 punti. Langford e Gentile raggiungono la doppia cifra con rispettivamente 12 e 14 punti, con Kangur a secco. Per i campani 9 di Roberts e 8 per Easley e Hannah.

Brindisi supera in trasferta Cremona con punteggio finale di 53 a 64: la squadra di Bucchi domina per gran parte del match trascinata da un redivivo Bulleri, autore di 12 punti complessivi e bloccato nel finale da un infortunio al ginocchio; la Vanoli cerca di riportarsi sotto con un parziale da 13 a 0 ma cede alla maggiore qualità degli uomini in maglia Enel. Dyson e Lewis in doppia cifra con 14 e 12 punti mentre per i padroni di casa Jackson con 17 e Rich con 11.

Varese si desta dal torpore e surclassa Venezia in trasferta. Partita con il punteggio più alto in questa giornata della serie A di basket, 93 a 79 il finale per gli ospiti, con Banks autentico mattatore da 25 punti. Ere e Clark aiutano la causa Cimberio con 18 e 17 punti mentre per la Reyer di Markowski i soli Taylor, autore di 22 punti, e Rosselli, con 16, cercano di lottare mentre Smith è in ombra e termina con soli 9 punti.

Ricerca personalizzata