Serie A di basket: Venezia poco Umana con Montegranaro

Il menù della seconda giornata della Serie A di basket offriva vasta scelta di prelibatezze: lo chef non ha deluso le attese. Tante le leccornie sfornate dai canestri del basket di serie A con risultati molto più che sorprendenti.

Cade Siena contro la Grissin Bon(mai nome fu più appropriato visto l’incipit culinario) a Reggio Emilia con punteggio finale 67 a 59 per i padroni di casa. Pessime le percentuali del tiro da fuori della Mens Sana, con il solo Carter a salvare la faccia realizzando 4 triple a fronte di 6 tentativi, con 18 punti totali.

Tante le assenze ingiustificate in casa senese: Hackett poco ispirato arriva ad un misero score con 8 realizzazioni. Sconcertanti i numeri degli americani in maglia Montepaschi: escluso il sopraccitato Carter, solo Hunter e Rochestie riescono a raggranellare qualche punto, mentre alla voce “canestri realizzati” troviamo un inquietante uovo al fianco dei vari Green, Nelson ed English. Coach Crespi avrà di che discutere con i suoi nel viaggio di ritorno. In casa emiliana ottime le prove di Bell autore di 22 punti e White The Flight che sfiora la doppia-doppia con 10 punti realizzati e ben 9 rimbalzi catturati sotto i tabelloni. Buona la partita degli italiani Cinciarini e Antonutti che segnano a referto rispettivamente 11 e 7 marcature.

Il big match del pomeriggio di questa giornata della Serie A di basket Sassari che davanti al proprio pubblico impartisce una severa lezione a Cantù: 83 a 69 il finale. In maglia Dinamo sfolgora il talento offensivo di ManDrake Diener che termina il match con 31 punti: il cugino dell’azzurro Travis, autore di 4 assist, si esibisce in un vero e proprio clinic di tiro con percentuali ragguardevoli visto il 6 su 7 da due e il 5 su 9 dalla grande distanza. Dalla linea della carità il giocatore americano è infallibile e realizza un 4 su 4 a coronamento di una partita perfetta.

L’intero starting lineup di Sassari va in doppia cifra, mentre Marques Green si limita ad assistere i compagni con due soli tentativi dal campo mancati e 3 assist a referto. Per Cantù partita da dimenticare con il solo Ragland a tentare di salvare la squadra da una sconfitta maturata nell’ultimo periodo, con 17 punti totali. Uter e Aradori non confermano le cifre sontuose della partita di mercoledì realizzando solo 10 e 14 punti. Il giocatore della nazionale italiano nominato tra i best player del primo turno di Eurocup forza troppi tiri e non riesce ad essere incisivo.

Il vero e proprio piatto forte della seconda giornata però è riservato ai commensali di Venezia: la Reyer rifila 102 punti alla malcapitata Montegranaro che si ferma a quota 68. Match quasi mai in discussione con il terzo parziale a fare il vuoto tra le due squadre: +29 per l’Umana, stavolta molto poco, Venezia. Per i padroni di casa ottime le prove di Smith, 18 punti, e Taylor,15.

Partita dal sapore tutto italiano con Vitali autore di 13 punti, Roselli ottimo sotto canestro con 8 sudatissime marcature e 5 rimbalzi e un super Magro che limita il proprio bottino offensivo a 5 punti, ma cattura 10 rimbalzi arricchendo la propria prestazione sotto le plance con 2 stoppate. In casa Montegranaro Skeen e Cinciarini toccano quota 14 punti ma sono gli unici a produrre punti e gioco vista la serata di stallo dell’altro americano Mayo, autore di 10 punti, ma parso in grande difficoltà.

Avellino sbanca Pistoia vincendo 83 a 75 nella giornata dedicata al ritiro della maglia di Bertolazzi, ex capitano della squadra toscana scomparso a 34 anni lo scorso settembre. La squadra di casa manda in doppia cifra Washington e l’ex Fortitudo Riccardo Cortese con l’americano Gibson best scorer in maglia Giorgio Tesi con 18 punti. All’appello manca Wanamaker che con soli 7 punti non contribuisce al tentativo di recupero dei suoi.

In maglia Sidigas menzione speciale per una delle stelle del nostro campionato, Jaka Lakovic. L’esperto play arrivato lo scorso anno ad Avellino dopo una scintillante carriera tra Spagna e Grecia, ha il pieno controllo del ritmo e del gioco della squadra di Frank Vitucci e il suo personale tabellino racconta di una partita condotta con la solita maestria: 13 punti totali, 9 falli subiti, 6 assist ed il solito sangue di rettile dalla lunetta con un notevole 10/10. Oltre al play sloveno grandi numeri per Thomas, 20 punti, Richardson, 11, e Ivanov che ne mette a segno 17.

Tra le altre partite in programma per la seconda giornata della serie A di basket segnaliamo la vittoria di Roma contro Brindisi per 67 a 59, e i successi ai supplementari di Bologna e Caserta: la Virtus piega in trasferta una grande Cremona con punteggio 87 a 82 per le V nere, che bissano il successo della prima giornata con un’altra eccezionale prova balistica di Hardy, autore di 27 punti.

Caserta riesce ad avere la meglio in casa Pesaro: 93 a 84 il finale per la squadra di Lele Molin. Non bastano ai padroni di casa i 25 di Turner e i 15 di Young. Per gli ospiti in doppia cifra i 4 americani, con un super Chris Roberts autore di 22 punti.

[foto : www.pianetabasket.com ]

Ricerca personalizzata