Sochi: biathlon, sfuma il sogno podio, Oberhofer quarta, oro alla Slovacchia

Karin Oberhofer, che bella gara! Ma è giù dal podio. L’azzurra del biathlon ha concluso la sua gara di 7,5km biathlon al secondo posto, perdendo due posizioni nel finale, complici le prestazioni delle avversarie giunte dopo al traguardo. Medaglie che sono state appannaggio di Slovacchia, Russia ed Ucraina.

Un grandissimo rush finale dell’azzurra che è valso solo la medaglia di legno. Sesta classificata l’altra atleta italiana, Dorothea Wierer, seguita nella speciale classifica delle ragazze di casa nostra, da Michela Ponza, staccata di 1’40”. Non è bastata la precisione dal poligono, 30 centri su 30 per le nostre connazionali. La differenza l’ha fatta il percorso, molto tecnico e selettivo.

La gara ha vissuto una prima fase confusionaria, con tanta tensione tra le big che hanno commesso tanti errori al poligono. Soukalova, Berger e Domracheva hanno tenuto la competizione apertissima a tutte le soluzioni.
Kuzmina (Slovacchia) ha preso in mano le redini della corsa passando in testa al penultimo poligono con 30 secondi da amministrare sulle dirette inseguitrici, Vilukhina e Semerenko. L’Oberhofer intanto si mantiene in zona medaglie, con un ruolino da cecchina infallibile: 10 su 10 al poligono.
Gara ricca di colpi di scena: anche l’altra azzurra, Ponza, è una sicurezza al tiro, ma occupa una posizione di rincalzo in classifica.

Kuzmina conclude la sua sciata trionfale arrivando solitaria a braccia alzate, le medaglie sono questione a due, tra Vilukhina e Semerenko: a spuntarla in un’avvincente volata è la russa, che si mette al collo la medaglia d’argento. Bronzo all’Ucraina.

L’Italia si consola con una prova di squadra da applausi: Oberhofer quarta a 6 secondi dal bronzo. Sesta un’ottima Wierer. Svanisce così il sogno azzurro.

Il podio

1° Anastasiya Kuzmina (Slovacchia) 21’06″8
2° Olga Vilukhina (Russia) +19.9
3° Vita Semerenko (Ucraina) +21.7

Ricerca personalizzata