Social Book Day: la passione per i libri nell’era dei social network

Un evento: Social Book Day. Una sola regola: amare i libri. Una parola d’ordine: condividere. Un’unica data: giovedì 17 ottobre. È la prima giornata dedicata interamente ai libri e agli appassionati lettori quella ideata e sostenuta da Libreriamo, social book magazine dedicato alla promozione della lettura e dei libri, che coinvolge tutte le community e le pagine social dedicate ai libri.

Si moltiplicano di giorno in giorno gli utenti lettori iscritti alle pagine Facebook che innescano dibattiti a tema con protagonista un libro, un autore o un genere letterario, stimolando a commentare e condividere le proprie opinioni per ampliare le proprie conoscenze.

Sono chiamati a partecipare anche i profili Twitter dei protagonisti del mondo editoriale italiano ed internazionale, youtuber, blog, community e forum dedicati ai libri. Lo scopo dell’iniziativa è promuovere la lettura in un Paese devastato da una Caporetto culturale: gli ultimi dati ISTAT sul mondo dell’editoria italiana mostrano che il 54% delle persone con più di sei anni non legge nemmeno un libro all’anno. Un dato quasi incredibile che unito a quel 10% di famiglie che non ha in casa neanche un libro forma un quadro tutt’altro che rassicurante. Leggere un riassunto un po’ dettagliato e qualche manciata di citazioni a qualcuno sembra sufficiente per fingere di avere realmente letto un libro: la sconcertante realtà è che i grandi classici della letteratura sono molto citati ma non sfogliati, letti e assaporati.

Libreriamo vuole smuovere il mondo letterario partendo dai canali digitali per fare correre la sensibilizzazione alla lettura sul filo sociale e concentrare così l’attenzione su un tema finora troppo sottovalutato e poco discusso. «Da oltre un anno stiamo impiegando risorse ed energie a favore della promozione della lettura e dei libri – afferma Saro Trovato, mood maker, sociologo e fondatore di Libreriamo –anche grazie al sostegno e la condivisione del nostro progetto da parte delle diverse community dedicate ai libri e alla lettura. Il fine di questa iniziativa è unirci tutti insieme a sostegno della cultura italiana, rendendo protagonisti per primi gli utenti-lettori, i quali saranno invitati in prima persona a manifestare il proprio amore per la lettura attraverso gli strumenti messi a disposizione dai diversi canali e community social».

I booklovers sono i veri protagonisti di questa giornata: basterà twittare o pubblicare su Facebook e su tutte le altre piattaforme un pensiero, una citazione del proprio autore preferito, una frase personale che ribadisca il proprio amore per la lettura e in cui sia sempre presente l’hashtag #socialbookday.

Libreriamo si occuperà di realizzare e diffondere anche al di fuori della rete il manifesto della prima edizione del Social Book Day, che conterrà gli interventi più originali, divertenti, emozionali. Per realizzare l’intento e auspicare successive edizioni, sarà fondamentale il sostegno di editori, autori, critici, librerie, quotidiani e magazine digitali e cartacei.

Non resta che dare libero sfogo alla fantasia e alla passione per rivelare il potere nascosto nelle pagine dei libri di stimolare la condivisione, la comunicazione, il confronto e la riflessione mantenendo viva la curiosità di leggere, e dimostrare che la forza dell’intelletto rappresenta il più grande patrimonio culturale.

Ricerca personalizzata