Tennis Atp: il Cile consegna all’Italia un Fognini da top ten

Un movimento in crescita con una luminosa punta di diamante. Ecco come possiamo definire il tennis italiano di questo periodo con la qualificazione ai quarti di finale della Coppa Davis cui fa seguito la splendida impresa di Fabio Fognini che corona dieci giorni splendidi con la vittoria nell’Atp 250 di Vina del Mar. Se a tutto ciò vogliamo aggiungere la qualificazione alla semifinale in Fed Cup di una nazionale femminile giovane ma con personalità, capace di battere a domicilio gli Stati Uniti, completiamo un quadro molto positivo per il nostro tennis.

“Super Fogna” alla conquista del Cile

Terzo titolo in carriera per il ligure di Arma di Taggia, sempre più a suo agio sulla terra rossa, superficie dove ormai si è affermato come uno dei migliori al mondo. Dopo Amburgo e Stoccarda 2013, “Fogna” vince il suo primo torneo in sudamerica battendo in una finale a senso unico il numero 91 del mondo, l’argentino Leonardo Mayer. E con questo successo Fognini aggiorna il suo curriculum alla voce “best ranking”, raggiungendo per la prima volta in carriera la posizione numero 14 delle classifiche Atp.

Tecnica sopraffina e finalmente la giusta mentalità: queste le qualità messe in campo dal numero uno azzurro, sceso in campo subito concentrato consapevole non solo della sua superiorità (1 a 0 a suo favore i precedenti), ma anche del fatto che portare alle lunghe l’incontro avrebbe comportato rischi eccessivi, specie in considerazione della battaglia condotta meno di 24 ore prima in semifinale contro Nico Almagro. Così la partenza è di quelle giuste, con un secco 4 a 0 iniziale con 2 opportunità per il 5 a 0. A questo punto non resta che gestire, così la prima partita se ne va con un secco 6 a 2 senza che l’argentino abbia conquistato un solo punto sul servizio di Fabio. Impressionante.

Il secondo set appare più equilibrato, anche se Fabio è sempre padrone del campo ed il break appare solo una questione di tempo (8 le palle break avute dal ligure nel solo secondo set). Così al quinto gioco l’azzurro strappa il servizio a Mayer il quale, nonostante metta in campo una grande volontà, deve soccombere al quarto match point, con il secondo parziale che si chiude per 6 a 4.

Ora Fognini continuerà la sua personale campagna di conquista del sudamerica. Questa settimana, infatti, è in programma l’Atp 250 di Rio de Janeiro, dove il ligure partirà come secondo favorito del seeding dietro lo spagnolo David Ferrer. La caccia alla top ten continua senza sosta.

Impresa azzurra in Federation Cup

Applausi anche per le ragazze del tennis, che si sono qualificate per le semifinali della Federation Cup, di cui sono detentrici, battendo a domicilio gli Stati Uniti, che si presentavano all’incontro senza la numero uno del mondo Serena Williams. Capitan Barazzutti opta per una nazionale giovane ma competitiva, con lo scopo di far fare anche esperienza alla nazionale del futuro. Karin Knapp e Camila Giorgi non hanno tradito le attese, vincendo i rispettivi singolari e chiudendo la pratica già alla terza partita. Una prova di forza notevole per un’intera nazione che dimostra come, nonostante le defezioni delle migliori (Errani, Vinci e Pennetta), riesce comunque a schierare una squadra competitiva ai massimi livelli. Ora la difesa del titolo passa attraverso la sfida, che si giocherà in trasferta, a Spagna o Repubblica Ceca.

Ricerca personalizzata