Tevez trascina la Juventus, il derby è bianconero

Era stato definito come un derby più equilibrato rispetto gli ultimi anni, la Juventus non attraversava un periodo esaltante mentre il Torino stava andando fortissimo in campionato. I bianconeri hanno spinto per mezz’ora cercando successivamente dii volenterosi avversari.

Conte e Ventura usano lo stesso schema tattico ovvero il 3-5-2. Il tecnico salentino recupera Barzagli e schiera Caceres sul fronte difensivo mancino per contrastare le pericolose scorribande di Cerci, in attacco c’è la coppia Tevez-Llorente. Il tecnico granata schiera a centrocampo Kurtic ed El Kaddouri che hanno anche il compito di impensierire la retroguardia bianconera con pericolosi inserimenti.

Il ritmo è alto fin dalle prime battute: il Toro punge in contropiede e si difende ordinatamente in difesa, la Juventus ha il pallino del gioco e prova a sfondare con conclusioni dalla distanza ma Padelli è attento sulle conclusioni di Pirlo e Tevez. I bianconeri non trovano spazi, servirebbe la prodezza di uno dei suoi campioni che arriva puntuale alla mezz’ora: Tevez riceve da Asamoah al limite dell’area, l’argentino si gira in un fazzoletto e lascia partire un gran tiro che sorprende l’estremo difensore granata. Il primo tempo termina con la Juve che controlla e cerca il raddoppio senza fortuna.

Si riprende senza cambi e non varia nemmeno il copione rispetto all’ultimo quarto d’ora della prima frazione: la Juve fa girare la palla con i suoi difensori, il Torino non riesce a rendersi pericoloso dalle parti di Buffon, su punizione ci prova El Kaddouri che spara alto da posizione molto favorevole. Conte opera il primo cambio poco prima della mezz’ora: entra Marchisio al posto di Vidal, abbastanza sotto tono. La partita si riaccende improvvisamente per merito dei granata che protestano per un intervento dubbio di Pirlo su El Kaddouri, il contatto sembra esserci ma il granata accentua notevolmente la caduta, Rizzoli non accorda il penalty. Ventura rischia il tutto per tutto mandando in campo un attaccante, Meggiorini al posto del difensore Bovo.

Il Toro tenta di gettare il cuore oltre l’ostacolo, ci prova in tutti i modi ma l’impresa non riesce. Per la Juventus è la tredicesima vittoria di fila davanti al proprio pubblico, per i tifosi granata il derby si rivela ancora una volta maledetto: il Torino non lo vince dal 1995 e non segna dal 2002.

Ricerca personalizzata