ToolsForAutism, l’applicazione italiana in aiuto dell’autismo

ToolForAutism è un applicazione creata con lo scopo di aiutare le persone autistiche nello svolgimento delle azioni quotidiane, dalle più semplici a quelle più problematiche. Disponibile gratuitamente sui tablet android in italiano e in inglese, l’app vuole coinvolgere operatori professionali, genitori e insegnanti dell’assistito.

I traguardi ottenuti da ToolForAutism sono notevoli e tutti interamente italiani. L’app infatti è stata realizzata da C.A.S.A, Centro per l’Autismo e Sindrome di Asperger della Asl CN1 a Mondovì, e dal CSP, il centro di ricerca sulle innovazioni digitali finanziato dalla regione Piemonte. Tutto ciò è stato possibile grazie al coordinamento di Asphi, organizzazione che lavora da più di 30 anni per l’integrazione del disabile.

In meno di un anno i download conquistati hanno superato di gran lunga i mille fra Italia e Usa. Secondo Mario Bellomo, consigliere di Asphi e responsabile dell’organizzazione in Piemonte, “l’app in media viene scaricata una volta ogni quattro ore. Al primo posto nei download c’è l’Italia, mentre al secondo ci sono gli Stati Uniti, che nel trattamento dell’autismo sono i più avanzati nel mondo“.

ToolForAutism funziona grazie alla spiegazione, tramite immagini e frasi, di situazioni all’apparenza semplici, ma che possono riservare delle problematiche per le persone affette da autismo. Viene spiegato il comportamento da tenere in certe occasioni, dal supermercato all’ospedale all’autobus. Con l’utilizzo di immagini viene superato il problema del linguaggio, frequente fra chi è autistico. Inoltre, l’utilizzo di un sistema touch, aiuta a migliorare le abilità visive dell’assistito, un pò come l’uso del computer in certe realtà come la scuola.

Molti sono i contesti, all’apparenza ovvi per una persona normale, che così ovvi non sono per un malato di autismo. Prepararsi un panino e lavarsi i denti, sono solo alcuni degli esempi di condizioni spiegabili tramite l’app ToolForAutism che possono essere fatte direttamente da chi interagisce con lui. L’applicazione permette di creare delle specie di presentazioni, correlate di foto e frasi, per facilitare lo svolgimento dell’azione.

Per il futuro ci sono già molti progetti per facilitare la vita alle persone autistiche dal punto di vista tecnologico. Si pensa ad un’app di video modelling per far apprendere tramite l’utilizzo dei video e delle tabelle comunicative versione mobile per chi ha gravi problemi di espressione.
Tutto questo è possibile grazie ad organizzazioni italiane, come C.A.S.A, CSP e Asphi, che si fanno conoscere all’estero per i propri risultati, dando luce ad aspetti spesso tralasciati parlando d’Italia:ricerca e innovazione.

Ricerca personalizzata