Artissima 2013, a Torino il vernissage dell’arte contemporanea

L’Oval del Lingotto, la struttura costruita in occasione delle Olimpiadi del 2006 a Torino, ospita la ventesima edizione di ‘Artissima’, la quinta fiera di arte contemporanea al mondo, diretta per il secondo anno da Sarah Cosulich Canarutto.

L’arte ci permette di capire cosa si muove nel mondo, e Artissima è quella fiera rappresentativa dell’arte di tutti i tempi: passa dal contemporaneo (presente), al moderno (futuro) e sfocia, poi, nell’antico (passato).
La kermesse avrà come filo conduttore l’affermazione di un identità specifica in un’epoca di forte competizione. Sarah Cosulich Canarutto, infatti, ha deciso di dare spazio anche a diversi talenti emergenti, ponendo maggiore attenzione al Sud Est Asiatico, il Medio Oriente e il Brasile.

Artissima quest’anno ospiterà centonovanta gallerie tra cui sessanta italiane e centotrenta dall’estero, divise in cinque diverse sezioni: ‘Main Section’, che ospiterà le gallerie (centootto) più rappresentative e affermate accogliendo i più grandi nomi del panorama artistico; ‘New Entries’ (ventisette gallerie) è, invece, riservata alle giovani gallerie che rientrano nei cinque anni di attività e partecipano ad Artissima per la prima volta; ‘Present Future’ che per il tredicesimo anno accoglie i talenti emergenti presentati dalle loro gallerie di riferimento; ‘Back to the Future’ allestita da opere di artisti che vanno dagli anni Sessanta agli anni Ottanta; ‘Art Editions’ che vede in mostra il Centre d’Art Contemporain di Ginevra con i lavori di giovani e affermati artisti.

Il preludio di una tempesta di opere d’arte pronta a invadere la città che le ospita. Ricca di positività e con un numero di rappresentazioni artistiche che supera le aspettative. Si è parlato, infatti, di una mostra anti crisi– tematica presente nelle opere di Artissima 2013 – che triplica il numero delle esposizioni, riversando un coraggio e una fiducia immane che tentano di far fronte alle difficoltà economiche italiane portando in Italia il fascino delle vincenti collezioni di Paesi stranieri.

Sarah Cosulich Canarutto nell’organizzazione di Artissima ha avuto l’appoggio, economico e morale, dalla città protagonista di questo week end d’arte con ‘Torino One’: fino a domenica tutta la città vivrà immersa nel contemporaneo, con cinque mostre nei cinque musei più importanti: Castello di Rivoli, GAM, Palazzo Cavour, Fondazione Merz e Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.

[Credit Photo: http://www.artissima.it/frontend/photogallery]

Ricerca personalizzata