Forse un malore del pilota, ancora si deve capire bene la dinamica dell’incidente, quel che certo è che l’auto uscita di strada ha investito un gruppo di spettatori e tra di essi c’erano due bambini, uno miracolosamente ne è uscito illeso, l’altro purtroppo, un bimbo di soli 6 anni non c’è l’ha fatta ed è morto.

L’episodio è avvenuto oggi 27 maggio 2017 presso Coassolo. Secondo le prime ricostruzioni, pare che la macchina sia finita fuori strada forse per un malore del pilota. L’auto è sbandata in corrispondenza di una curva dopo aver urtato il cordolo stradale. Il pilota ha quindi perso il controllo del veicolo e l’auto è uscita dalla carreggiata finendo così la sua corsa nel prato dove si trovavano gli spettatori. il fratellino della vittima, un bimbo di tre anni si è miracolosamente salvato, mentre il quadro clinico dell’altro bambino è apparso fin da subito grave, inutili dunque, i soccorsi.

Sul luogo dell’incidente sono accorsi immediatamente i carabinieri e gli operatori sanitari del 118 oltre ad essere presente anche un elisoccorso. Dopo l’accaduto il rally è stato sospeso, in 32 anni non era mai successo un episodio del genere.

Adesso bisognerà far luce su quanto accaduto. Bisognerà capire se effettivamente il pilota abbia avuto un malore o meno, chiarire se gli spettatori che stavano ammirando la gara potessero effettivamente stazionare nel prato dove si è verificata la tragedia.

Il caso è stato affidato al pm Ruggero Crupi, il quale ha immediatamente disposto rilievi planimetrici e fotografici sul luogo dell’incidente.

Ma oltre a ipotizzare che il bambino stesse seguendo la corsa con i genitori in un punto vietato, altri profili devono essere ancora valutati, quali: efficienza dell’organizzazione, stato del pilota, circuito della macchina.