Tripadvisor Hospital: i pazienti e il potere di giudizio

La permanenza in ospedale non è il tipo di vacanza che tutti sogniamo.

Recentemente è nata sul modello Tripadvisor, il sito che offre recensioni di hotel, foto e consigli di viaggio per sistemazioni e soggiorni, una platform che consente di recensire e giudicare gli ospedali in cui si è stati ricoverati.

Possiamo dire che questo è un cammino coerente verso una maggiore trasparenza e responsabilità, per offrire la possibilità a tutti i pazienti di condividere le loro esperienze di degenza attraverso una funzione di feedback-paziente che andrebbe ad aggiungersi al sito web.
I giudizi degli ospedali sul sito NHS Choices, un forum finanziato dal governo britannico, consentono ai pazienti di commentare, di dare il loro giudizio sul trattamento ricevuto con le stesse modalità con cui viaggiano le recensioni sul sito Tripadvisor, come declama il Telegraph.UK, e scegliere se farsi curare in quella struttura ospedaliera o meno.

Andrew Murray Burnham, membro del parlamento per il partito laburista, Shadow Secretary of State for Health, carica equipollente al nostro ministro della salute, ha dichiarato che andare in ospedale è uno dei momenti più importanti e delicati nella vita di chiunque e l’obiettivo che loro si sono posti è quello di fornire degli strumenti validi che possano garantire sicurezza e informazioni, nonché procurare dispositivi idonei per un’oculata scelta.

«Il servizio offre anche un’opportunità senza precedenti per gli ospedali, per essere messi a conoscenza di eventuali problemi affinché agiscano per migliorare i loro servizi, contribuendo a far alzare gli standard su tutta la linea, e si concentrino maggiormente sui pazienti.»

In America il sito che si offre ad essere “filo diretto” fra i pazienti e la salute, fra i futuri ricoverati e il Center for Medicare & Medicaid Services (CMS), è il sito Medicare.gov: the official U.S. government site for Medicare.
Questo sito ha una venatura referenziale più simile alla consulenza economica, ma diviene comunque un dispositivo fondamentale per chi deve scegliere in quale ospedale ricoverarsi.
Internet è una risorsa anche per la salute, le fonti dalle quali carpire i dettagli e documentarsi sono alla portata di tutti, basta un clic!

In Italia, purtroppo rimaniamo un passo indietro, nonostante l’ex ministro alla Sanità Beatrice Lorenzin di fosse mostrata molto interessata a portare avanti il progetto.
Un portale contenente tutti i dati relativi, come detto, potrebbe essere un servizio qualitativo in più da offrire al fruitore. Unica grande obiezione che è stata sollevata è quella inerente la privacy. Infatti, si farebbe uso di dati sensibili, ed il Garante per la Privacy ha subito negato la possibilità di utilizzo di queste informazioni personali, poiché non indispensabili ai fini del giudizio oggettivo del luogo dove andare ad effettuare le cure e medicazioni.
Probabilmente, noi italiani dovremo ancora aspettare un bel po’ prima di documentarci on line grazie ai contributi di un Tripadvisor Hospital riguardante la nostra penisola.

Ricerca personalizzata