Una vacanza in Egitto? Finalmente si può

L’Egitto è più sicuro e può finalmente riprendere le fila del turismo, strizzando l’occhio alla domanda internazionale. L’avviso della Farnesina, che in seguito ai fatti della primavera araba e all’istabilità del paese sconsigliava viaggi in Egitto, è stato in parte modificato. Gli italiani possono tornare a soggiornare nei resort del Mar Rosso e dell’alto Egitto.

Evitando viaggi singoli e affidandosi all’esperienza di tour operator seri e competenti, è possibile riprendere a viaggiare verso i villaggi e gli hotel situati nelle località turistiche del Mar Rosso, come Sharm el-Sheik, Marsa Alam, Berenice e Hurgada, con il consiglio di prestare comunque molta attenzione e di non allontanarsi dalle strutture ricettive. Il nostro Ministero degli Affari Esteri è stato particolarmente cauto e ha preferito che maturassero condizioni di maggiore sicurezza, mentre altri paesi come Germania e Inghilterra hanno revocato lo sconsiglio a settembre.

La domanda turistica italiana svolge un ruolo importante a sostegno dell’economia egiziana, che inevitabilmente ha risentito di questo brusco calo. A quanto pare, il Ministero del turismo egiziano non ci sta a rinunciare ai flussi dall’Italia e vuole riprendersi questo segmento di mercato realizzando iniziative per dimostrare che la situazione ora è davvero sicura. Si parla addirittura di weekend gratuiti.

In attesa di offerte così appetitose, le meraviglie dell’Egitto tornano ad essere disponibili. Per gli amanti del mare, si può tornare dalla penisola del Sinai anche a dicembre con una tintarella da fare invidia. E poi spa, centri benessere, snorkeling e sport acquatici, come immersioni e kite surf.

[Fonti: viaggiaresicuri.it; ttgitalia.com; touringmagazine.it; it.egypt.travel]

Ricerca personalizzata