Usa, bombe alla maratona di Boston: almeno due morti e oltre venti feriti

È di almeno due morti e ventidue feriti il bilancio provvisorio di due esplosioni avvenute al traguardo della maratona di Boston: alle ore 14.50 locali due forti boati si sono uditi a distanza di pochi secondi l’uno dall’altra.

A sconvolgere una delle maratone più antiche degli Stati Uniti sarebbe stato un attentato, come riferito dal vicepresidente americano Joe Biden: “Apparentemente c’è stato un attentato – le sue prime parole dopo la tragedia -. Non sappiamo ancora le cause, le nostre preghiere vanno ai cittadini di Boston”.

Secondo quanto riferiscono fonti della polizia statunitense sarebbero state trovate altre due bombe non esplose: uno dei due ordigni sarebbe stato fatto successivamente brillare. Il Boston Globe parla di 19 feriti trasferiti al Massachusetts General Hospital: sei sarebbero in condizioni critiche. Le scene descritte dai testimoni oculari e che compaiono in alcuni filmati online sono drammatiche: macchie di sangue sarebbero sparsi sue marciapiedi di Boylston street e i feriti, ancora sanguinanti e privi di sensi, sarebbero stati ricoverati nelle tende mediche dedicate alla gara, prima di essere trasferiti in ospedale.

A Boston è stato chiuso lo spazio aereo, le persone presenti in zona sono state invitate a non utilizzare i cellulari per evitare di innescare altre bombe e alcuni hotel sono stati chiusi. In seguito all’attentato, le cui origini sono ancora da chiarire, a New York e Washington è scattato lo stato di massimo allerta: sono state rinforzate le misure di sicurezza e pattuglie anti-terrorismo stanno sorvegliando i luoghi simboli delle città. Il presidente Barack Obama, informato della tragedia, ha detto all’amministrazione di assicurare tutta l’assistenza necessaria.[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=JVU7rQ6wUcE[/youtube]

Ricerca personalizzata