Whatsapp down, colpa di Zuckerberg?

Si diffonde il panico sui social: WhatsApp down. Potenzialmente 400 milioni di utenti registrati al servizio di messaggistica istantanea potrebbero trovarsi in queste ore con le mani in mano di fronte al down della nota app. La notizia si è diffusa velocemente e i primi commenti in rete puntano il dito contro Mark Zuckerberg e il recente annuncio dell’accordo concluso con WhatsApp a Menlo Park.

Miliardi di dollari ben spesi quelli di Zuckerberg? Probabilmente sì, ma è strano che a due giorni dal passaggio di WhatsApp nelle mani di Mark tutto smetta di funzionare. E se fosse una strategia?
Intanto da WhatsApp nessun aggiornamento circa le cause del guasto e i tempi da attendere perché la normale funzionalità del servizio venga ripristinata.
Ecco il tweet con cui la compagnia ha comunicato il down:

C’è anche chi fa ironia sulla felicità dei competitor che, dopo aver inghiottito un boccone amaro per la notizia dell’affare firmato con Facebook, adesso esulterebbero per l’empasse del servizio che esultava fino a un giorno fa sul carro del vincitore. Ecco un tweet che ironizza sulla “battle digitale”.

Ricerca personalizzata