WhatsApp, ora a pagamento su Iphone

Sembra averci preso gusto WhatsApp, l’applicazione che consente l’invio gratuito di sms, a stare sempre sulle cronache dei giornali. Risale ad appena qualche settimana fa, infatti, la notizia della richiesta di più regole per la privacy avanzata dal Garante Italiano all’azienda fondatrice dell’app in merito, in particolare, ai messaggi di testo degli utenti italiani. Ora ecco qui un’altra notizia di grande interesse per gli appassionati: WhatsApp si dovrà pagare se posto su dispositivo iphone. Vi sarà, infatti, un abbonamento annuale per tutti i possessore di iphone che vorranno avere la messaggeria in questione.

E’ Jan Koum, amministratore delegato di WhatsApp, a dare la notizia, annunciando che per la fine dell’anno l’applicazione sarà a pagamento, cosa che è già in corso per Nokia e Android Blackberry dopo il primo anno gratuito. L’abbonamento sarà richiesto ai nuovi utenti; la cifra calcolata si aggirerà attorno a un dollaro per anno, in euro 80 centesimi circa.

Chissà come la prenderanno gli utenti iphone dal momento che whatsApp è una delle applicazioni maggiormente scaricate sul dispositivo. Uno degli ultimi conteggi effettuati sul traffico di messaggeria dell’applicazione conta circa 17 miliardi di sms mentre 100 milioni sono solo gli utenti di Android. Ad oggi, i possessori di iphone pagano solo 89 centesimi per il downloading dell’applicazione. Cosa diversa, invece, per chi possiede i sistemi operativi di Google, Microsoft e BlackBerry che scaricano l’applicazione gratis ma saranno tenuti a pagarla dopo un anno con 79 centesimi per continuare ad usufruire del servizio.

Ricerca personalizzata