Windows 8.1: Microsoft punta sulla personalizzazione

Il nuovo aggiornamento di Windows alla versione 8.1 è stato rilasciato da Microsoft in tutto il mondo il 17 ottobre e porta con sè centinaia di aggiornamenti.
Microsoft con questa versione non torna indietro sulla nuova interfaccia Modern UI che è stata la vera rivoluzione di Windows 8, e dimostra di aver fatto tesoro delle critiche avanzate dagli utenti nei mesi scorsi cercando di trovare un compromesso tra la sua voglia di innovazione e l’abitudine all’utilizzo che si è creata negli utenti con le versioni precedenti.

Ecco quindi il ritorno del tasto Start sulla barra delle applicazioni, come richiesto da tantissimi utenti. Si tratta però di un falso ritorno, in quanto cliccando sul nuovo pulsante si accede alla schermata di avvio o a quella che visualizza tutte le applicazioni, in base alla scelta dell’utente. Cliccando invece con il tasto destro si apre l’attuale menù avanzato, rivisto e arricchito ad esempio della possibilità di spegnere il pc, senza più richiamare la Charm bar in basso a destra. Non si può dire quindi che sia tornato il vecchio stato Start da cui si accedeva a programmi, pannello di controllo, documenti e tanto altro. Tutte quelle funzioni rimango disperse.

Un’altra richiesta arrivata a gran voce da chi proprio non ha digerito l’inserimento della nuova interfaccia è la possibilità di avviare il sistema direttamente in modalità desktop, senza passare dalla Start screen. Anche su questo punto Microsoft ha ceduto e inserito questa possibilità tra le impostazioni, in cui si può anche scegliere di disabilitare gli “hot corner”, quindi le funzionalità disponibili spostando il mouse negli angoli dello schermo.

Dal punto di vista grafico, sono disponibili nuove dimensioni per le live tile arrivando ad un totale 4 diverse. La dimensione più grande permette ora di consultare le informazioni sulla tile senza bisogno di aprire effettivamente l’applicazione, come ad esempio per il calendario o il meteo. Se invece si vuole una schermata Start piena di applicazioni si possono ridurre tutte alla dimensione più piccola, l’equivalente di un attuale icona desktop.

La schermata Start diventa maggiormente personalizzabile, ora sulla barra che appare cliccando con il destro in un punto qualsiasi troviamo, al posto del bottone per visualizzare tutte le app, il bottone Personalizza. Esso attiva tutte le possibilità di customizzazione, come eliminare un’applicazione dalla schermata, ridimensionare le tile, creare dei gruppi di app e assegnargli un nome. Inoltre si moltiplicano le possibilità di scelta dei colori e dell’immagine di sfondo dello Start. Si può anche scegliere la stessa immagine di sfondo per la schermata Start e il desktop, in modo da avere continuità tra tutti gli ambienti.

La schermata Tutte le applicazioni acquisisce invece più valore: innanzitutto ora si accede dall’angolo in basso a sinistra, inoltre è possibile organizzare le app per nome, data d’installazione, categoria o frequenza d’uso. Quando poi si installa una nuova applicazione, essa verrà collocata solo in questa schermata e non più nel menù di avvio.

Aumenta il numero di applicazioni visualizzabili contemporaneamente: con Windows 8.1 si può arrivare fino a 4, modificando a piacimento la grandezza di ognuna.

Questa nuova versione porta con sè anche il nuovo Internet Explorer 11, come il precedente Windows 8 aveva inserito la IE10. Design rivisto in ottica touch e la possibilità di sfruttare la tecnologia 3D, visualizzando applicazioni e giochi 3D grazie all’inserimento del nuovo standard WebGL. Tramite Skydrive il nuovo browser offre la possibilità di sincronizzare oltre che i preferiti e le password, anche le schede aperte tra più dispositivi, compreso Windows Phone.

Windows 8.1 porta anche una migliore integrazione con Skydrive, il cloud di Microsoft. Finalmente non serve più installare l’applicazione per avere la sincronizzazione lato desktop, e troveremo Skydrive tra i preferiti in Esplora Risorse. È inoltre possibile scegliere quali cartelle sincronizzare per l’accesso offline, pur rimanendo visibili tutte le cartelle anche se non sincronizzate in locale.

Tantissime altre piccole novità sono state introdotte con il nuovo Windows 8.1, così da migliorare e integrare ogni funzione e applicazione del sistema operativo. L’obiettivo come sempre arduo è quello di ritrovare la stessa esperienza d’uso utilizzando Windows su dispositivi molto diversi, con o senza touch. Microsoft ha fatto un grande sforzo per andare incontro alle esigenze degli utenti, ancora aggrappati alle funzionalità tipiche delle versioni precedenti di Windows, senza rinunciare all’innovazione e dando nuove possibilità di personalizzazione.

Ricerca personalizzata