Woody Allen: "Il Viagra? Mi piacerebbe ma sono troppo fifone"

    La settimana prossima Woody Allen compierà 75 anni e non ha nessuna intenzione di festeggiare. Il regista, che il 3 dicembre celebrerà anche l’uscita del nuovo film Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni, non smentisce la sua proverbiale vena di sano cinismo “Appena ho avuto la consapevolezza di essere adulto, direi intorno ai trenta, ho cominciato a vedere il compleanno solo come un passo verso la morte”.

    Allen confessa sul numero di Vanity Fair in edicola oggi il suo rapporto con il tempo che passa. ”Non è tanto il giorno in sè – dice – Comincio a essere depresso la settimana prima, e poi la cosa va avanti per giorni. Dicembre è un mese orrendo. C’è Natale e poi Capodanno, un altro passo deciso verso la tomba. E’ proprio l’idea della festa comandata, degli auguri speranzosi che mi butta giù”.

    Il regista parla anche del prossimo film Midnight In Paris, da mesi oggetto di gossip per via del piccolo cameo di cui è protagonista Carla Bruni. ”Non è vero che ho fatto 37 ciak perché Carla non funzionava. Ne ho fatti meno della metà, il necessario per quel piccolo ruolo. Non é vero che il marito di Carla Bruni é venuto sul set e si é arrabbiato”. Sarkozy era entusiasta.

    E se si torna a parlare di età, Allen si pronuncia anche sul Viagra ”Mi piacerebbe avere il coraggio di provarlo per sapere l’effetto che fa. La curiosità c’è, ma sono troppo fifone”, dice Allen.

    Ricerca personalizzata