X Factor diventa Hell Factor per il quarto appuntamento

Si è aperto alla grande il quarto appuntamento con la musica che ha visto tutti i ragazzi di X Factor7 cimentarsi in The Passenger di Iggy Pop, e come tributo alle Pussy Riot, le concorrenti del programma hanno indossato i cappucci colorati tipici del gruppo femminista russo, arrestato per la performance anti-Putin messa in scena nella cattedrale di Mosca. “Sono fiero di far parte di questo programma“, ha affermato Mika dopo la performance, orgoglioso di prendere parte all’unico programma che ha avuto il coraggio di affrontare, a modo suo, un argomento che si fa fatica ad affrontare nel resto del mondo.

La prima a scendere in campo è stata Roberta, nella serata intitolata Hell Factor, che ha visto due eliminati dal programma. La paura era tanta tra i ragazzi che si sono affrontati nelle solite due manche: stavolta però i due meno votati di ogni turno sono finiti all’Ultimo Scontro e se n’è salvato soltanto uno. Dicevamo, Roberta, concorrente del gruppo di Morgan, è stata la prima a cantare: con “True Colors” di Cindy Lauper la Pompa ha incantato tutti e quattro i giudici.

È stato poi il turno della “ciabatta”, gli Ape Ascape, il gruppo di Simona Ventura, che ha portato “Mentre tutto scorre” dei Negramaro sul palco di X Factor. Tony ha ritrovato la voce, è stato il commento scherzoso dei membri del gruppo in risposta alle critiche di Mika sulla poca voce sentita finora dal quarantatreenne in infradito.

Valentina, terza a salire sul palco, la settimana scorsa aveva meravigliato tutti con la sua performance di canto e ballo in contemporanea. Questa volta ha portato “When I was your man” di Bruno Mars. Bravissima per tutti, un po’ meno per Morgan che le ha detto di essere a volte un pochino stonata.

È toccato poi a Fabio, l’over 25 di Elio, il quale si è esibito con “La casa in riva al mare”, successo di Lucio Dalla. In certi momenti sembrava cantasse davvero Dalla, negativo secondo Morgan, ma a detta di Elio, i grandi pezzi e i grandi cantanti non vanno assolutamente modificati.

Per ultimo è arrivato il trash cinematografico di Morgan, che ha contrassegnato tutta la gara. Il primo a cantare è Andrea con “Grease”, la colonna sonora dell’omonimo film. Bravissimo, ma secondo Mika ed Elio quello che ha portato sul palco Andrea non era trash.

È stata una manche molto equilibrata la prima, perché nonostante le critiche che i giudici si sono mossi a vicenda, tutti i cinque concorrenti hanno saputo stare alla grande sul palco. Purtroppo però uno di loro ha dovuto lasciare il programma: al ballottaggio sono finiti Roberta e Fabio. A spuntarla stavolta è stato Fabio, voce più particolare secondo i giudici.

Prima del risultato della manche a ridare calma allo studio sono arrivati gli ospiti, Luca Carboni e Tiziano Ferro che si sono esibiti in duetto con “Le persone silenziose”, scritta da Luca nel 1898 e riarrangiata insieme al cantautore di Latina.

Ad aprire poi la seconda manche è stata Gaia che su gentile richiesta degli altri giudici ha scelto di cantare in italiano: “Monnalisa” di Ivan Graziani, riarrangiata dai Marlene Kuntz. E Morgan ci è andato giù pesante: “cosa c’entrano le mosse da discoteca!“, “è facile far bella figura con una scenografia piena di effetti“, mentre le sue erano più semplici e senza effetti speciali. Insomma un Morgan aggueritissimo quello della seconda manche.

Secondo Mika, un altro agguerrito della serata, gli Street Clerks di Simona non hanno trasmesso alcun sentimento con “Some nights” dei Fun. Bene invece per gli altri giudici.

È stato poi il turno di Aba, che ha portato sul palco il ballo scatenato di Beyoncé. Molto più spiritosa e allegra l’esibizione che è piaciuta tanto ai giudici, che la giudicavano invece finta e costruita sul palco.
Secondo Elio, ma solo secondo lui, il “Tempo delle mele” cantato da Michele, degli Under Uomini di Morgan, non è stato un granchè. Michele è stato perfetto, ma Elio non ha assolutamente visto del trash e la parte hard rock era fuori luogo.

Violetta ha interpretato “Reckoning song” dell’israeliano Asaf Avidan. In compagnia del suo ukulele, Violetta ha interpretato a modo suo la struggente canzone, in versione quasi dance, che però è stata apprezzata dai giudici.

L’appuntamento è quasi giunto al termine quando sul palco arriva Tom Odell, il cantautore britannico, che ha portato sul palco di X Factor “Another Love”, singolo romantico tratto dal suo primo album Long way down. Dopo la parentesi romantica però si è dovuti tornare all’Hell Factor, alla seconda manche precisamente dell’Hell Factor che ha visto sfidarsi al ballottaggio Gaia e gli Street Clerks. Morgan non ha proprio saputo decidere tra i due e così ha scelto il Tilt, ovvero il voto del pubblico, che ha scelto di far rimanere tra i concorrenti ancora in gara la voce unica e particolare di Gaia, l’Under Women di Mika.

I due eliminati, Roberta e gli Street Clerks, come ricorda la pagina twitter del programma, canteranno e riceveranno i fan al Punto Enel di Via Broletto a Milano a partire dalle 15.00 di oggi pomeriggio.

Ricerca personalizzata