Sciopero in autostrada: le Guardie Zoofile dell'Enpa salvano gli animali in pericolo di vita

Le Guardie Zoofile dell’Enpa (Enta Nazionale Protezione Animali) erano in allerta già poche ore dopo l’inizio dello sciopero dei tir sulle autostrade italiane in segno di protesta contro i nuovi rincari di gasolio, autostrada e non solo.

Il pericolo maggiore era che gli animali trasportati in autostrada potessero soffrire eccessivamente a causa del blocco imposto agli autisti. Le temperature molto basse, la mancanza di cibo e acqua e le condizioni di viaggio inadeguate per delle soste così lunghe avrebbero potuto portare alla perdita di molti animali. Pochi giorni fa il presidente dell’Enpa Carla Rocchi aveva dichiarato: “A nome di tutta l’associazione chiedo al Ministero della Salute di tutelare l’incolumità degli animali sospendendo il loro trasporto fino alla revoca dello sciopero.”

Grazie all’intervento delle Guardie Zoofile 100 maiali circa sono stati soccorsi dopo diverse ore di blocco in autostrada. L’autoarticolato sul quale viaggiavano era rimasto coinvolto nel blocco come tutti gli altri, ma l’autista era molto preoccupato per le condizioni in cui si trovavano gli animali. Il mezzo è stato scortato dalle Guardie fino alla successiva stazione di sosta, dove ci si è accertati dello stato di salute degli animali  prima di permettere al tir di proseguire il viaggio.

Dopo l’accaduto i volontari dell’Enpa hanno voluto ringraziare la Polizia Stradale per il supporto durante le operazioni di uscita del camion dal blocco autostradale. Hanno inoltre ringraziato gli autisti in sciopero per aver agevolato in ogni modo il passaggio del tir con il carico di animali, rivolgendo loro un particolare appello per permettere il passaggio di tir con animali a bordo.

I portavoce dell’Enpa hanno sottolineato come i loro interventi non siano mirati ad agevolare gli interessi delle aziende produttrici di carne, bensì a tutelare il benessere animale, dichiarando apertamente che una dieta vegana o vegetariana è sempre preferibile al consumo di carne.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here