Il trionfo live di Elisa a New York

L’avventura americana di Elisa appena cominciata si è conclusa alla grande: la cantante di Monfalcone ha saputo con la sua professionalità e modestia rendere speciale il live che si è tenuto al club “Living Room”, locale prestigioso di New York.

Ha giocato sicuramente un ruolo importante anche il pubblico che l’accolta nel migliore dei modi, mettendola a suo agio e partecipando con grande entusiasmo. Elisa non ha mancato di esibirsi in brani noti del suo repertorio, ma dedicando anche un omaggio ai Rolling Stones, esibendosi nel brano “Wild Horses” e ripetendo più volte l’onore di potersi esibire nella Grande Mela. Amatissimo e apprezzatissimo è stato il singolo “Love is requited”, colonna sonora del film di Roberto Faenza, e che alle radio americane già piace tanto.

La bellissima “Dancing”, “Forgiveness” e “So much of me”, sono alcuni dei brani in cui si è esibita Elisa e quest’ultimo è la versione inglese de “Gli ostacoli del cuore”, che diventa anche un omaggio a Luciano Ligabue, autore del brano, ricordando anche il compleanno del rocker a breve trascorso. Una serata quindi dedicata all’ascolto e alla scoperte del suo nuovo lavoro, ma anche un ringraziamento speciale a chi l’ha resa oggi quella che è conducendola fin lì: anche all’etichetta Decca/Sugar che ha permesso alla cantante di iniziare questo viaggio oltreoceano.

Ospitata anche in alcuni programmi televisivi come la Reuters e il Good Day NYC, ci sono tutti i presupposti perchè “Steppin’ in water” goda di ottimo riscontro in America, annoverando Elisa tra gli artisti italiani che hanno saputo incantare anche l’estero come Laura Pausini, e ultimamente la grande voce di Andrea Bocelli.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here