Inflazione 2012 si stabilizza al 3,3%

A valere sul corrente mese di marzo del 2012, l’indice dei prezzi al consumo rilevato dall’Istat ha fatto registrare una crescita anno su anno del 3,3%, la stessa rilevata sempre anno su anno nel mese di febbraio del 2012. A darne notizia in data odierna è stato proprio l’Istituto Nazionale di Statistica in base ai dati preliminari da cui è inoltre emerso come con la rilevazione di marzo l’inflazione già acquisita per il corrente anno sia a +2,3%. Nel complesso, quindi, il carovita in Italia rimane sopra la soglia del 3% ma mostra comunque dei segnali di stabilizzazione.

Tanto per cambiare anche per il corrente mese hanno in ogni caso influito sulla dinamica ascendente dei prezzi i beni energetici e poi a seguire i prezzi dei tabacchi e quelli dei servizi per il trasporto. Decisamente meno incoraggiante è invece il carovita calcolato sui cosiddetti beni a più elevata frequenza d’acquisto. In questo caso, infatti, dai dati preliminari Istat è emersa una crescita annua dei prezzi pari a ben il 4,6% rispetto al 4,5% della rilevazione del mese di febbraio del 2012.

Appresi i nuovi dati Istat, la Federconsumatori ha tutt’altro che esultato al dato stabile al 3,3% dell’inflazione. Questo perché di questo passo le ricadute a carico delle famiglie, per effetto dell’aumento dei prezzi, saranno pari in media a ben 1.334 euro. Di conseguenza l’Associazione dei Consumatori, rivolgendosi al Governo, ha chiesto che venga annullato l’aumento dell’Iva, dal 21% al 23%, programmato per il prossimo autunno. Altrimenti, e non ci vuole di certo il migliore degli economisti per stimarlo, si rischia l’ennesima raffica di rincari che peserà come un macigno sui consumi già stagnanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *