Il produttore Jon Landau parla di “Avatar 2”: Slitta la possibile release del 2014?

Con il ritorno di “Titanic” in 3D, che si appresta a uscire in molte sale del mondo proprio in questi giorni, il produttore Jon Landau è molto impegnato con una serie di conferenze stampa in compagnia del regista James Cameron, intento nel discutere su come sia stato possibile riportare al cinema il film che ha vinto 11 Oscar e che per lungo tempo è stato il più proficuo al boxoffice.

Molti giornalisti si sono interessati però ad un altro progetto di Cameron, di cui si attende ansiosamente una nuova uscita, e cioè il sequel di “Avatar“, il film che ha rivoluzionato il modo di concepire il cinema in 3D e di cui da tempo si parla senza notizie molto concrete. L’ultima volta in cui si è vociferato qualcosa, Landau parlò di tempi di pre-produzione molto lunghi, che sarebbero potuti scaturire in un’attesa di circa quattro anni.

Ai microfoni della nota rivista Empire invece sembra che il produttore abbia cambiato idea, suggerendo il 2014 come data “possibile” ma non tassativa per il ritorno dei Na’vi sul grande schermo. “Avatar 2”, girato in back-to-back con “Avatar 3”, sarebbe dovuto infatti arrivare nelle sale durante le festività natalizie del 2014.

Una scelta del genere è sicuramente positiva, considerando che per il primo film ci sono voluti circa dieci anni di produzione. La scelta di prendersi i giusti tempi porterà sicuramente alla realizzazione di una pellicola “onesta”, non rovinata dalle richieste dei distributori o di altre società affiliate che spingono per avere nei cinema il prima possibile “Avatar 2“.

Sembra che i rumors che parlavano di una possibile ambientazione subacquea possano essere veritieri, tant’é che lo stesso Landau ha parlato di alcuni test di ripresa sottomarina. Nel frattempo però ha confermato che i tecnici della WETA Digital, tra cui il supervisore alle animazioni Richie Baneham e il supervisore agli effetti speciali Nolan Murtha, sono già al lavoro per riportare il mondo di Pandora e i suoi abitanti sul grande schermo.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here