Mostra fotografica: l’Italia e gli italiani – nell’obiettivo dei fotografi Magnum

La mostra fotografica – L’Italia e gli italianinell’obiettivo dei fotografi Magnun, è una rappresentazione fotografica organizzata  in favore dei festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia.  Iniziata il 30 marzo 2012, terminerà il 24 giugno 2012 e si potrà visitare nella bella città di Napoli, dopo la precedente esperienza di Torino, che ha ricevuto un grande successo, tenutosi a Palazzo Reale. Intesa Sanpaolo ha onorato l’evento, affidandosi per l’occasione a nomi illustri della fotografia, ad un’ampia sfera professionale apprezzata e conosciuta in tutto il mondo.

Educare i giovani dell’Europa alla cultura del nostro paese: dalla Sicilia, alle rovine di Pompei, per passare per la cultura di Firenze, Bologna, Napoli, e senza trascurare le rovine antiche della capitale romana; questo è stato il motivo che ha spinto principalmente gli organizzatori – Gianfranco Brunelli e Dario Cimonelli – a curare questa manifestazione.

E’ con questo spirito che è stata allestita questa mostra fotografica che comprende circa 400 scatti istantanei; un duro lavoro dei fotografi Magnun durato diversi mesi, realizzato in modo che carpisse e catturasse le sembianze storiche, antiche e culturali del nostro paese. Per ammirare le fotografie di quest’opera prestigiosa, basterà recarsi a Napoli presso la sede delle Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano – il polo museale di Intesa Sanpaolo di Napoli, grazie anche al patrocinio del comune di Napoli. Come asserito nel comunicato stampa, quest’omaggio alla nostra terra e alla sua antica cultura, non vuole essere un tuffo nel passato per rivivere chi eravamo. E’ una manifestazione quella della mostra fotografica “l’Italia e gli italiani”, che racchiude la nostra chiave storica in termini moderni, ossia con l’italiano di oggi che vive e si raccoglie in queste terre.

Come la nostra storia insegna, il mare è stato oggetto principale del nostro passato, dal quale sono arrivate e si sono definite tutte le condizioni civili e storiche della nostra penisola circondata dal mare. E’ con il mare di fatti, che si apre la mostra fotografica: una rassegna con le fotografie di Christopher Anderson; poi è la vota di Donovan Wylie che ha dettato i confini delle nuove mura, ossia quelli urbani e che tradotti in termini moderni s’identificano con viadotti, tangenziali, discariche e aree urbane. Per poi a seguire tanti altri nomi illustri della fotografia.

Ricordiamo Richard Kalvar che concentra la sua attenzione su tutto ciò che ha unito l’Italia: il tutto inteso come aree geografiche ma anche antichi ricordi del passato, come per esempio leggiamo essere l’antico ferragosto trascorso con i nonni. La mostra fotografica è ad ingresso gratuito ed è stata ideata all’interno del progetto cultura, che fa parte del progetto di Intesa Sanpaolo atto a valorizzare appunto tutto ciò che concerne i beni culturali e l’arte.

Intesa Sanpaolo è un’azienda bancaria di grande importanza sul territorio nazionale; il suo ruolo e interessamento in ambito culturale è motivato dalla voglia di crescita economica del nostro paese dando il suo reale e serio contributo in tal senso; a fronte di ciò il legame che ci deve essere tra cultura e senso civile del paese è comunque inseparabile e indivisibile.

Per quanti fossero interessati, ogni fine settimana, il sabato e la domenica,si eseguono visite guidate gratuite alle ore 11, che comprendono il percorso espositivo; l’importanza culturale è data anche e soprattutto alle scuole medie inferiori e superiori con percorsi didattici sempre gratuiti; il tutto avviene tramite prenotazione presso i seguenti numeri: 00800 16052007 – 081 7811275.

Un’iniziativa che va ricordata questa settimana, precisamente il 20 e il 21 aprile 2012 riguarda un Convegno che avrà come tema “Il Viaggio a Napoli tra il XVI e il XIX secolo”, evento promosso dall’Università degli studi di Napoli Federico II, durante il quale interverranno diversi studiosi e scrittori.

Ad esporre e presentare il tutto c’è anche un bel video che vi mostriamo di seguito.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=qMhOWPg99eg[/youtube]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here