Woody Allen è il re del box office italiano, tre milioni per To Rome with Love

Si sa che critica e pubblico non vanno mai d’accordo. Stroncato da gran parte della stampa italiana, il nuovo film di Woody Allen “To Rome with Love” con Roberto Benigni, Penelope Cruz, Alec Baldwin e una parata di altri attori italiani e internazionali, sbaraglia la classifica degli incassi nell’ultimo weekend. Segno che nonostante l’accoglienza tiepida riservata dai critici italiani, la cartolina romana realizzata da Allen con un cast all star, al pubblico tutto sommato è piaciuta.

Numeri alla mano, la commedia di Woody Allen, anche grazie alla massiccia distribuzione (600 sale) e al battage mediatico che l’ha preceduta, ha incassato da sola molto di più dei cinque film che la seguono, ed è prima nel box office con 2,8 milioni di euro in tre giorni e una soddisfacente media per sala di 4.685 euro.

Un risultato che tra l’altro segna anche un record personale per il regista di New York nel nostro paese: “To Rome with Love” è infatti il migliore incasso al primo weekend italiano tra tutta la filmografia di Allen, che con il precedente film “Midnight in Paris” aveva esordito con 2,2 milioni di euro. Sul podio dei film più visti del weekend del 20-22 aprile dietro Allen, ma a distanza di sicurezza, troviamo “Battleship”, secondo con 802mila euro (- 63%) e 3,55 milioni di euro totali, e“Titanic 3D”, sul terzo gradino con 611mila euro (-71%) che vanno ad incrementare il totale arrivato a 7,46 milioni di euro. Discreto esordio per il dance movie inglese “Street Dance 2”, quarto con 540mila euro (598mila considerando l’uscita anticipata al mercoledì). Scende di due posizioni “Biancaneve”, quinto con 417 mila euro (- 65%); identica flessione per il fenomeno  “Quasi amici”, sesto con 345mila euro in una classifica che lo vede presente ormai da nove settimane. Segue “Diaz” di Daniele Vicari, che nonostante il passaparola non riesce ad andare oltre la settima posizione del box office con un incasso di circa 300mila euro (- 56%).

Per quanto riguarda le altre new entry della settimana, “Una spia non basta” è solamente ottavo con 219mila euro, mentre “Il primo uomo” di Gianni Amelio è addirittura fuori dalla classifica in dodicesima posizione con appena 135 mila euro. Chiudono invece la top ten degli incassi italiani “Pirati! Briganti da strapazzo” , nono, e “Bel Ami – Storia di un seduttore”, decimo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here