Mercato Juve: tante manovre in corso, si punta Asamoah, piace Ranocchia

Grandi manovre in casa Juventus, dove lo scudetto appena vinto è giustamente considerato solo il punto di partenza di un nuovo ciclo che per continuare ad essere vincente e competitivo anche fuori dall’Italia necessita di rinforzi e miglioramenti per la rosa attuale.

Oggi a Milano ci sarà una riunione di Lega e quindi sarà l’occasione per alcuni presidenti di fare chiacchiere di mercato. Secondo alcune indiscrezioni è probabile che Juventus e Udinese parleranno di Kwadwo Asamoah, seguito con grande interesse dai bianconeri da diverso tempo e assai stimato dal tecnico Antonio Conte che lo vorrebbe aggiungere al trio delle meraviglie di centrocampo formato da Pirlo-Marchisio-Vidal.

Il problema sta nella valutazione del giocatore, che il Presidente dei friulani Pozzo ha fissato a non meno di 15 milioni. Come spesso accade in queste circostanze, la Juventus cercherà di abbassare quella cifra inserendo nell’affare alcune contropartite tecniche che possano essere gradite alla squadra di Guidolin. I candidati sono l’appena prestato Pazienza, il giovane promettente Taider (che è in comproprietà col Bologna), il difensore Sorensen ed il trequartista Ekdal (che è in comproprietà col Cagliari).

Si potrebbe anche fare il sacrificio di inserire nella trattativa il capocannoniere dell’ultima Serie B Ciro Immobile, anche lui non tutto della squadra bianconera ma a metà con il Genoa.

Oltre ad Asamoah, quasi concluso l’ingaggio di Pogba, che arriverà  a costo quasi zero dal Manchester United e vicinissimo ancha un altro giovanissimo francese, ovvero Geoffrey Kondogbia, 19enne del Lens. 

Inoltre, la Juventus è sempre in corsa anche per il pescarese Verratti, che è diventato il colpo grosso del mercato ed è seguito da tantissime squadre.

Per la difesa oltre ai soliti obiettivi Astori, Ogbonna e Peluso, pare che Antonio Conte abbia richiesto alla società Andrea Ranocchia, un suo vecchio pupillo per il quale stravede.

Insomma, tanti nomi e tante strategie per rendere la Juventus sempre più forte, gli avversari sono avvisati.