Giuseppe Rossi è tornato: Pepito è pronto a riprendersi la nazionale

192 presenze e 82 goal tra Premier, Serie A e Liga. Questo era Pepito prima di quel tragico 26 Ottobre 2011 dove, nella sfida di campionato contro il Real Madrid, riportò la rottura del legamento crociato del ginocchio destro ed una prognosi di 6 mesi. Quando poi tutto sembrava andare per il meglio, ecco il fattaccio: il 13 aprile 2012 durante gli allenamenti subisce un’ulteriore lesione al legamento già danneggiato in precedenza che per via delle varie operazioni gli costa un’altro anno lontano dai campi di gioco.

Pepito Rossi in questo periodo ha sofferto molto, si è visto togliere la tanto agognata maglia della nazionale, ad Euro2012 avrebbe dovuto esordire da titolare al fianco di Mario Balotelli ed invece si è dovuto accontentare di guardarlo in tv. Il suo ultimo goal in maglia azzurra risale al 3 giugno 2011 nella sfida casalinga contro l’Estonia, l’ultima presenza invece è targa 7 ottobre 2011 nella gara di qualificazione all’Europeo contro la Serbia. Rossi però è un campione dentro e fuori dal campo, nonostante tutto non ha mai smesso di sostenere i suoi compagni di nazionale stando vicino alla squadra via Twitter, Pepito è infatti attivissimo sul famoso social network.

Ritorno in campo

4 Gennaio 2013: questa è la data della rinascita sportiva del giocatore nato nel New Jersey. Quel giorno infatti la Fiorentina ha ufficializzato il passaggio a titolo definitivo di Giuseppe Rossi dal Villareal per 10 milioni di euro più 6 di bonus. Con la maglia viola numero 49 fa il suo secondo esordio in Serie A (ha giocato nel Parma nel 2007) il 19 maggio subentrando al 69° a Cuadrado nell’ultima giornata di campionato contro il Pescara.

Da quel 19 maggio Rossi non ha più smesso di correre e segnare, il primo goal con la squadra di Montella è arrivato alla prima uscita della nuova stagione, il 26 Agosto nella sfida con il Catania finita 2-1. Per il primo goal in Europa abbiamo dovuto aspettare la prima partita del girone di Europa League, col Pacos Ferreira, in cui “Pepito” ha servito anche un bell’assist. Rossi è rinato.

Gli infortuni ormai appartengono al passato ed è pronto a caricarsi sulle spalle il nuovo progetto Fiorentina. Il suo obiettivo primario è il mondiale brasiliano, prima però c’è da pensare alla Fiorentina e alla sfida di campionato contro l’Inter, miglior difesa del campionato finora. Ma non ci sono dubbi che un guerriero come Rossi proverà a segnare in tutti i modi, perchè le sfide difficili per uno come lui sono state ben altre.