Rugby: l’Italia si prepara alla sfida con l’Australia

Continua la preparazione degli azzurri del rugby in vista del primo test match in programma sabato 9 Novembre a Torino contro l’Australia.
La nazionale italiana, guidata dal CT Brunel, si è radunata negll’impianto sportivo “Giulio Onesti” di Roma allenandosi in attesa di affrontare le tre prove (Australia, Fiji, Argentina) che serviranno ad arrivare al meglio al prossimo Sei Nazioni.

Tra i 32 convocati dal commissario tecnico spiccano, oltre ai nomi dei “soliti noti” Sergio Parisse (95 caps), capitano azzurro, Martin Castrogiovanni (82 caps) e Marco Bortolami (94 caps), due giovani emergenti: Allan e Campagnaro. Il primo, mediano d’apertura, ha rinunciato alla nazionale scozzese preferendo la rappresentativa italiana, il secondo si è messo in luce grazie alle recenti prestazioni in Pro 12 con la Benetton Treviso. Spera in una possibilità anche l’estremo compagno di squadra
di Campagnaro,Ruggero Trevisan: il biancoverde è già nel giro della nazionale, ma non ha ancora collezionato un cap.

Destano preoccupazioni le condizioni di Tommaso Benvenuti, che nell’ultima gara di Top 14 con il Perpignan ha riportato un affaticamento muscolare alla coscia sinistra. Problemi anche per Mauro Bergamasco: il flanker delle Zebre Rugby, uscito nella gara di Pro 12 pareggiata contro gli Scarlets ha effettuato controlli strumentali che hanno evidenziato una distorsione cervicale e una contusiona alla scapola. Nessuno dei due, però, è a rischio esclusione.

Chi non ci sarà, invece, è Mirco Bergamasco, escluso d’eccellenza, che un anno fa, proprio durante il test match con l’Australia ha rimediato un grave infortunio al ginocchio ed ora, con il Rovigo, cerca di recuperare la forma e la maglia azzurra.

Domani il CT Jacques Brunel chiamerà il rompete le righe e diramerà la lista dei 30 convocati che dal 3 Novembre si ritroveranno a Torino per preparare la sfida con i Wallabies. La nazionale australiana, intanto, affronterà l’inghilterra il 2 Novembre, nel primo test match di questo tour europeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *