Antonino Cannavacciuolo, gli ingredienti segreti dello chef della TV [Intervista]

Da chef a scrittore il passo è breve per Antonino Cannavacciuolo, protagonista di Cucine da incubo su Fox Life e ora autore di In cucina comando io.
L’abbiamo incontrato a Napoli durante la presentazione del suo primo libro, qualcosa a cui pensava da anni, come ha dichiarato in esclusiva a BlogLive, per lanciare un messaggio a quanti si cimentano nel lavoro di cuoco. Bisogna imparare la tradizione, apprezzare le ricette della nonna, amare gli ingredienti: questi i primi passi da compiere prima di dare una linea alla propria cucina.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=VGYrUD-mOZ4[/youtube]

Originario di Vico Equense, lo chef della tv, da vent’anni ha lasciato la sua terra, ma non l’ha dimenticata e anzi rappresenta con orgoglio l’identità partenopea nei suoi viaggi in giro per il mondo.
Ai nostri microfoni, lancia anche un appello ai suoi concittadini, partendo dalla questione della Terra dei Fuochi.

Chi può deve intervenire– ha detto Cannavacciuolo – anche se non possiamo aspettare sempre che siano gli altri a fare qualcosa per la nostra città, dobbiamo essere noi i primi a voler bene a Napoli. Siamo noi a dover agire, a dover raccogliere ad esempio la carta da terra, dobbiamo diventare un modello, lanciare un esempio”. “Napoli ha delle potenzialità immense, io giro il mondo e me ne rendo conto, dobbiamo ripartire da qui” ha concluso il noto chef.

Umiltà e passione, ciò che bisogna trasmettere nel lavoro, come nella vita per Antonino Cannavacciuolo, chef pluristellato di ultima generazione che, nonostante sia diventato un personaggio – come si definisce – non ha perso di spontaneità e genuinità. A sorpresa, durante la presentazione a Napoli, è arrivato anche il dono del maestro artigiano Marco Ferrigno: un pastore che omaggia Cannavacciuolo, in piena tradizione napoletana.

Tanti i retroscena del suo programma che ci ha svelato: dal dietro le quinte delle cucine che trasforma, a come avviene la scelta dei ristoranti, fino alle differenze con Gordon Ramsey, conduttore della versione americana di Cucine da incubo.

Ecco il protagonista dell’enogastronomia italiana nell’intervista ascoltabile in esclusiva per BlogLive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *