Serie A di basket: Siena e Milano dominano nei posticipi

Dopo le sconfitte riportate nell’ultimo turno di Eurolega, Milano e Siena ritrovano il sorriso con prestazioni convincenti e punteggi che lasciano poco spazio a possibili voci di crisi interne. Grande attesa soprattutto per Siena ultima nel girone della massima competizione europea, con la casella delle vittorie ancora a quota zero.

Il calendario di questa quarta giornata della serie A di basket la contrapponeva a Pesaro, squadra ostica e ricca di talento, in una trasferta ad alto rischio dopo le ultime deludenti uscite. La squadra toscana spazza via le angosce che avevano connotato le ultime prestazioni, annichilendo la formazione guidata da Dell’Agnello con un perentorio 94 a 69.

Match deciso nel secondo quarto quando la Montepaschi prende il largo con un parziale di +23. Solo 7 i punti messi a referto dai padroni di casa, che pagano eccessivamente la scarsa vena realizzativa dei suoi uomini di punta: Turner mette a referto 13 punti, molti dei quali a partita ormai andata mentre dalla panchina il veterano Young, ossimoro sempre d’attualità per il 37enne giocatore di Pesaro, limita il proprio contributo a 4 miseri punti.

Giornata negativa per il navigato giocatore americano che patisce enormemente il gap atletico con le guardie di Siena. In casa pesarese l’unico a battersi fino al suono della sirena è Anosike, autore di 11 punti con 13 rimbalzi, mentre Trasolini aggiusta le statistiche nel finale raggiungendo quota 13.

In casa Montepaschi coach Crespi ottiene risposte soddisfacenti: Daniel Hackett chiude l’incontro con 20 punti, tenuto precauzionalmente in panchina per l’intero ultimo quarto, mentre Cournooh e English si dividono la parte restante del referto con 16 e 14 punti. Segni di vita anche da Green che realizza 9 punti mentre Hunter tra i lunghi si segnala per le 8 marcature condite da 6 rimbalzi.

A Desio l’Olimpia Milano affrontava il match conPistoia ancora ferita dal pesante passivo subito in terra madrilena, con il Real a scherzare con i giocatori di coach Banchi. Reazione d’orgoglio immediata per l’Armani Jeans che ottiene i 2 punti in classifica superando la Giorgio Tesi Group con il punteggio di 75 a 55.

Anche in questo posticipo della serie A di basket il risultato non parso mai in bilico, con i giocatori di Milano che prendevano il largo nel terzo quarto quando il tabellone recitava +15 Olimpia.
Ottima la prova del parco guardie milanese con Moss autore di 14 punti e il solito Langford, parso recuperato dopo i fastidi fisici che lo avevano condizionato nella trasferta iberica, con 17 punti totali ( 6/6 da due, 5/5 ai liberi)

I lunghi Armani Jeans, principali imputati della sconfitta contro il Real, si segnalano con una prova di sostanza: Melli 10 punti con 7 rimbalzi e il pivot giamaicano Samuels con 9 punti e 8 rimbalzi.

In casa Pistoia amarezza per l’ennesima sconfitta in questo avvio di stagione: coach Moretti può ritenersi comunque soddisfatto per aver visto i suoi lottare nonostante l’ampio divario tecnico tra le due squadre, magra consolazione, ma non sono queste le partite da vincere per garantirsi la permanenza nella nostra serie A di basket. Per gli ospiti segnaliamo le prove di Wanamaker, 11 punti, e Johnson, 13, mentre Gibson sebbene metta a referto 12 realizzazioni spara a salve dalla lunga distanza con un 2/8 da tre emblema delle eccessive forzature che non hanno fatto altro che agevolare il cammino dell’Olimpia Milano.

Appuntamento in settimana per gli impegni di Eurocup ed Eurolega che vedranno impegnate ben 6 squadre della nostra serie A di basket e grande attesa per il debutto in Eurochallenge di Reggio Emilia.

[credits immagine: it.eurosport.yahoo.com ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *