Decreto Rilancio, Gualtieri: “l’Italia reggerà il colpo e ripartirà”

Decreto Rilancio, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri è ottimista sulla ripartenza dell’Italia. Tagli alle tasse e aiuti ai lavoratori autonomi in arrivo

Giuseppe Conte decreto rilancio diretta Facebook
Il Premier Giuseppe Conte

Con il Decreto Rilancio approvato ieri sono stati stanziati 155 miliardi per permettere la ripartenza dell’economia italiana. Tutele per debellare il lavoro in nero e non permettere alle mafie di approfittare della crisi economica, aiuti a famiglie e imprese, oltre a 4 miliardi di tagli sulle tasse. Il premier Giuseppe Conte ha parlato di premessa per concretizzare la ripresa dell’Italia, mentre la ministra Teresa Bellanova si è commossa annunciando l’intesa sulla regolarizzazione dei migranti e dei lavoratori in nero.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – Coronavirus e aria condizionata: pericoli e come comportarsi

Decreto Rilancio, Gualtieri: “L’Italia reggerà il colpo e ripartirà”

Gualtieri decreto Rilancio
Roberto Gualtieri (Photo by Assianir – Wikimedia Commons)

Intervenuto ai microfoni di Uno Mattina su Rai 1, il ministro dell’economia Roberto Gualtieri ha parlato del Decreto Rilancio approvato ieri: “Con le misure contenute al suo interno vogliamo far sì che l’Italia regga il colpo della crisi e allo stesso tempo riparta. Sono sicuro che ce la faremo. Lo stop alla rata Irap – prosegue il ministro – è una misura importante di sostegno alle imprese, ed è il risultato di un dialogo positivo con l’associazione delle imprese. Arriverà presto anche la seconda tranche di 600 euro per i lavoratori autonomi, senza fare domanda, chi ha avuto il primo avrà un secondo bonifico dall’INPS”.

Nella serata di ieri, poco dopo l’approvazione del Decreto Rilancio, il ministro Gualtieri ha così annunciato il tutto su Twitter: “Approvato il #decretorilancio. 155 miliardi per far ripartire l’economia italiana. Risorse imponenti per sostenere il lavoro e l’impresa, le famiglie, la sanità, la scuola e l’università. Ora massimo impegno per far arrivare subito le risorse e rilanciare insieme il Paese.”