Apple, disponibili le notifiche di esposizione alla COVID-19 senza Immuni

L’ultimo aggiornamento del software degli iPhone permette di ricevere notifiche in caso di possibili contatti con persone positive alla Covid-19.

Come preannunciato nei giorni scorsi Apple ha diffuso da poche ore anche in Italia l’aggiornamento 13.7 di iOS, il suo sistema operativo per dispositivi mobili. La nuova principale funzionalità introdotta con l’aggiornamento riguarda la possibilità di ricevere su iPhone e iPad, anche senza Immuni, notifiche riguardo all’esposizione alla Covid-19. In sostanza, in accordo con le autorità sanitarie, il sistema permette di informare i possessori del dispositivo mobile circa la possibilità di essere rimasti contagiati.

La novità rilevante rispetto alla precedente configurazione è che per ricevere le notifiche non è richiesta l’installazione di app specifiche di contact tracing sviluppate per contrastare la pandemia. All’utente sarà richiesto soltanto di fornire, una sola volta, l’autorizzazione alla ricezione delle notifiche di esposizione.

Le autorità hanno collaborato a lungo con Apple e con altre aziende per creare i migliori ambienti software e hardware possibili. Gli aggiornamenti di questi giorni, previsti anche da Google per Android, dovrebbero contribuire a rendere le procedure più automatiche. Si stima infatti che Immuni, la app sviluppata in Italia per il tracciamento dei contatti, abbia raggiunto un numero di download insoddisfacente. Quelli complessivi sarebbero ampiamente al di sotto delle aspettative.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Sugli smartphone notifiche sul rischio di contagio anche senza Immuni

COVID-19, notifiche su iPhone anche senza Immuni

apple ios iphone notifiche esposizione covid 19 immuni

Il sistema di tracciamento dei contatti introdotto con l’aggiornamento iOS 13.7 è progettato per informare l’utente quando potrebbe essere stato a contatto con persone risultate positive alla Covid-19. Ci riesce grazie al supporto per un protocollo di comunicazione già reso disponibile con un precedente aggiornamento (13.5).

Secondo Apple le app per il contact tracing non saranno condizionate dall’aggiornamento. Continueranno a funzionare normalmente e non entreranno in conflitto con la nuova versione del sistema operativo.