Bambina scomparsa a Brescia: svolta nelle indagini, ritrovato un teschio

È arrivata la notizia più temuta per la famiglia di Iuschra Gazi. La bambina dodicenne, scomparsa anni fa a Brescia, è deceduta. Il ritrovamento macabro pone fine alle ricerche.

Getty Images

Si chiude nel modo più triste e doloroso possibile una vicenda che durava da oltre due anni. Era il luglio del 2018 quando una bambina di appena 12 anni, la bengalese Iuschra Gazi, scompariva nei boschi in provincia di Brescia durante una gita organizzata dalla Fobap, Fondazione bresciana assistenza psicodisabili. La bambina, autistica, aveva fatto scomparire le sue tracce e subito le ricerche si sono attivate su tutto il territorio locale per rintracciarla.

Mentre l’operatrice della Fobap, accompagnatrice in quella gita, ha patteggiato la sua condanna a 8 mesi di reclusione a seguito dello smarrimento della piccola (reato di omicidio colposo), gli inquirenti hanno poi interrotto le operazioni di ricerca della bambina di origini bengalesi. Una svolta nelle indagini lo scorso 4 ottobre, quando nei boschi di Brescia è stato ritrovato un teschio da un cacciatore locale. Le analisi del DNA hanno confermato il triste destino della piccola: Iuschra Gazi è morta.

Bambina scomparsa a Brescia, è suo il teschio ritrovato nel bosco

Getty Images

A inizio ottobre un teschio è stato ritrovato nei boschi in provincia di Brescia, non lontano dalla zona della scomparsa della piccola. Il professor Andrea Verzeletti ha messo a confronto il profilo genetico estratto da uno dei due molari prelevati con quello del padre e della madre. Dalle analisi è emersa la triste verità: i due DNA combaciano, per questo non ci sono dubbi sulla sorte toccata alla povera Iuschra Gazi. “Sono sotto choc. Ora so che a Iuschra è davvero morta” le prime parole del padre della bambina appena saputo l’esito del test del DNA.

Getty Images

Termina così nel modo più triste possibile una vicenda che durava ormai dal 19 luglio del 2018. Il teschio è stato ritrovato da un cacciatore in una zona particolarmente impervia e difficile da raggiungere, sondata solamente dai droni durante le ricerche degli investigatori.