Covid, speranza anticorpi monoclonali: come funziona la cura

Arriva una nuova speranza contro il Coronavirus, gli anticorpi monoclonali: hanno aiutato a guarire Trump e saranno disponibili da fine anno

vaccino
Coronavirus (gettyimages)

Il mondo intero continua a lottare contro un nemico silenzioso che ha messo in ginocchio tantissimi paesi, il Coronavirus. Continuano dunque gli studi per trovare una cura o un vaccino contro questo virus e le buone notizie sembrano arrivare dall’America. Infatti, secondo quanto riportato da ‘Repubblica’, l’azienda Ely Lilly avrebbe dato il via per produrre un milione di dosi di ‘bamlanivimab‘ da distribuire entro fine anno, ovvero il farmaco che ha curato il presidente americano Donald Trump in tempi record. Tutto si basa sull’utilizzo di anticorpi monoclonali, già usati per altri mali come tumori o artrite reumatoide. A lavorare su questo progetto in Italia è il professor Rino Rappuoli, che a Siena lavora sulla cura.

Covid, il professor Rappuoli sugli anticorpi monoclonali: “Proteggono e curano i positivi”

Covid-19
Covid-19, ricercatori al lavoro (Getty Images)

Novità importantissime arrivano dal mondo scientifico riguardanti la possibile cura al Coronavirus. Ai microfoni di ‘La Repubblica’ è il professor Rino Rappuoli, che rivela l’efficacia degli anticorpi monoclonali. Il professore rivela che questi anticorpi sono un gioiello dell’innovazione e che potranno essere somministrati in piccole quantità ma con una grande efficacia. La differenza fondamentale sul dosaggio per il paziente, sarà che invece di un’infusione in ospedale, sarà una semplice puntura a casa. Poi le frasi che rassicurano tutti: “Gli anticorpi possono migliorare le condizioni di chi è già positivo e permetto anche la prevenzione per circa sei mesi”. Secondo il professore, se tutto andrà bene entro marzo 2021 saranno in grado di rendere il farmaco accessibile a tutti, abbattendo anche gli elevati costi attraverso un dosaggio minimo che servirà a combattere e prevenire il virus. Ricerche davvero importanti dunque, che danno una grande speranza all’Italia ed al mondo.