Covid, altre regioni verso la zona rossa: tutte le possibili variazioni

La curva dei contagi continua a salire e di conseguenza il Governo deve prendere decisioni molto importanti. Pare che altre regioni passeranno a zona rossa.

regioni zona rossa
Misure restrittive (Fonte screen-shot)

La situazione di emergenza sanitaria non sta migliorando almeno questo è quello che dicono i dati riportati dal Ministero della Salute. Infatti, la curve di contagi continua a salire e gli ospedali sono ormai in sovraccarico tanto che iniziano a mancare i posti letto per i malati di Covid-19. La decisione del Governo è stata quella di dividere l’Italia in tre macro zone a seconda del rischio, gialla, arancione e rossa.

Purtroppo andando avanti con il tempo le zone gialle, quelle in cui le norme anti Covid sono meno stringenti, stanno iniziando a scomparire. Piano piano tutta il paese si sta tingendo di rosso. Infatti, altre regioni passeranno alla zona rossa a breve stando a quanto viene riportato dalle testate giornalistiche. Le regioni che rientrano nella fascia a alto rischio sono sottoposte a misure restrittive molto simili a quelle che vigevano in lockdown.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Zona rossa, spesa fuori dal Comune: per risparmiare si può

L’Italia si sta dirigendo verso un secondo lockdown nazionale

regioni zona rossa
Covid-19 (Fonte GettyImages)

La pandemia globale da Coronavirus pare non volersi arrestare tanto che altre regioni dell’Italia stanno passando a zona rossa. I contagi aumentano e la situazioni di crisi sta peggiorando ogni giorno che passa, dunque bisogna correre ai riparti. Anche Puglia, Liguria Basilicata molto presto si uniranno alle regioni ad alto rischio come Valle D’Aosta, Piemonte, Lombardia, Toscana, Campania, Calabria e la provincia di Bolzano.

Per quanto riguarda le zone arancioni, stando ai vari dati che il Ministero della Salute sta raccogliendo, pare che altre regioni, invece, passeranno a breve a zona arancione. In questa fascia rientrano tutte quelle regioni che dovranno sottostare a misure restrittive molto stringenti quali il divieto di spostarsi da un Comune all’altro, uscire di casa soltanto per motivi di compravate necessità come lavoro, studio e salute.