Covid, nuove regole in arrivo: la decisione sugli spostamenti

Il nuovo Governo Draghi è pronto ad istituire nuove regole anti Covid: arriva la decisione sugli spostamenti tra regioni e non solo

Covid regole spostamenti
Stazione di Roma Termini (Getty Images)

Il Covid continua ad essere una forte minaccia, e la pandemia mondiale ancora non è stata debellata. Per questo motivo il nuovo Governo Draghi, dopo che alcune regioni sono tornate in zona arancione, ha deciso di varare nuove regole anti-Covid da istituire nel paese. Il nuovo decreto legge verrà ufficializzato il prossimo 25 febbraio, e vedrà il prolungamento dello stop agli spostamenti. Infatti fino al prossimo 27 marzo gli spostamenti tra regioni verranno vietati. Nel frattempo le richieste dei Ministri sono altre, ovvero quelle di ritornare ad una parvenza di normalità con alcune riaperture. Da Franceschini a Salvini, le richieste si accumulano, e c’è ancora da finire le nomine per la squadra di Governo.

Covid, spostamenti vietati fino al 27 marzo: i Ministri chiedono riaperture

Mario Draghi con la mascherina
Mario Draghi (Getty Images)

Niente spostamenti tra regioni per poco più di un mese ancora. Infatti fino al prossimo 27 marzo questi dovrebbero essere vietati nel nuovo decreto legge che verrà ufficializzato il 25 febbraio. Nel frattempo però si chiede al Governo Draghi una maggiore riapertura per tentare di tornare alla normalità dopo un anno. Infatti il Ministro della Cultura, Dario Franceschini, ha chiesto di riaprire cinema e teatri, diventando la prima nazione europea a farlo. Matteo Salvini invece chiede di più dichiarando: “Bisogna ritornare alla normalità, alla vita, sempre con prudenza ed attenzione. Infatti servono nuove soluzioni che permettano di ripartire. Il virus è cambiato ed ha molte varianti, quindi le zone gialle, rosse ed arancioni non hanno senso”. Dunque tante richieste nei primi giorni da Premier per Mario Draghi, con 40 sottosegretari da nominare per chiudere la squadra di Governo.  Nel frattempo Pietro Severino è il Nuovo Capo di Stato Maggiore dell’Esercito.