Sport in lutto: muore all’improvviso il grande campione. Aveva 66 anni

Lo sport in lutto: è morto all’età di 66 anni il grande campione. Cordoglio per la star prematuramente scomparsa

Marvin Hagler
Marvin Hagler (Getty Images)

Un grave lutto ha colpito il mondo dello sport. Si è spento all’età di 66 anni il campione di boxe Marvin Hagler, in grado di dominare la categoria pesi medi negli anni ’80, tra il 1980 ed il 1987. In un combattimento che sarà ricordato a lungo, ebbe la meglio anche nei confronti di Sugar Ray Leonard.

A rendere nota la prematura scomparsa ci ha pensato la moglie Kay attraverso il suo profilo Facebook. “Chiediamo di rispettare la nostra privacy” ha scritto la donna sui social chiedendo, quindi, massima riservatezza. E sui social tantissimi i messaggi di cordoglio da parte di colleghi e fan. Al momento sono oscure le motivazioni che hanno portato al decesso l’uomo.

L’uomo aveva vissuto per lungo periodo anche in Italia, tra Liguria, Lombardia e Toscana dove aveva negli anni instaurato rapporti di amicizia. Grande appassionato di calcio, in passato era stato protagonista anche di numerose apparizioni in tv.

Sport in lutto: le vittorie di Marvin Hagler

Marvin Hagler
Marvin Hagler (Getty Images)

The Marvelous” il suo soprannome per lo stile elegante, ha chiuso la sua carriera con 62 successi, di cui ben 52 per ko, due pareggi e, per decisioni arbitrali, tre sconfitte. E’ considerato tra i più forti della storia, tanto da essere stato inserito tra i più grandi dalla International Boxing Hall of Fame.

Rocky Marciano l’ha influenzato essendo nato nel New Jersey; inizio da dilettante, nel 1980 conquistò due titoli mondiali WBC e WBA mentre tre anni dopo si aggiudicò l’IFB. L’ultimo match della carriera sarà contro Sugar Ray Leonard; una sconfitta ai punti decretata dall’arbitro che non accetterà mai che gli pregiudicò, tra l’altro, la vittoria del WBC.

Marvin Hagler
Marvin Hagler (Getty Images)

Sarà, questa, la parola fine alla sua vita sul ring che sarà ricordata per sempre soprattutto per vere e proprie sfide leggendarie contro Duran “Mani di Pietra”, Hearn e Juan Roldàn.