Inquinamento acustico urbano: allarme dell'OMS

L’OMS lancia l’allarme sull’inquinamento acustico urbano, affermando che questo non solo è dannoso per l’ambiente ma anche per la nostra salute. Infatti, sull’Oms – Europa pubblicato ieri 31 marzo 2011, si leggono le parole accusatorie del rumore urbano come concausa di malesseri umani e originare di vere patologie che nel lungo periodo possono danneggiare la salute del nostro organismo in modo serio e gravoso.

Il rumore da traffico urbano, ovvero l‘inquinamento acustico, è responsabile di oltre un milione di anni di vita persi per malattia, disabilità o mortalità prematura nei Paesi occidentali della Regione Europea dell’Organizzazione Mondiale della Sanità” .Queste sono alcune parole pubblicate con le quali l’OMS mette in guardia il mondo industrializzato ed urbano dall’inquinamento acustico. Questo, infatti, può recare seri disturbi del sonno, e generare problemi di pressione alta, con quindi relative patologie inerenti l’apparato cardiovascolare, con l’aggravante di possibili ed eventuali infarti.

I dati dichiarano che una persona su tre è infastidita dal rumore urbano durante le ore diurne e una su cinque addirittura durante le ore di riposo notturno, causando seri problemi del sonno, con tutte le eventuali cause che ne possono conseguire.

Questi dati sono stati pubblicati e saranno si spera motivo di discussione nei grandi centri urbani, per sensibilizzare gli addetti ai lavori, ad una maggiore prevenzione in tal senso. Si stima inoltre che l’inquinamento acustico sia secondo solo allo smog come fattore scatenante di alcune patologie che attentano alla salute del nostro fisico.

Inoltre si avvisa che anche apparenti rumori notturni come quello del televisore acceso durante la notte, può recare disturbo al sonno e portare col tempo disturbi alla nostra salute, una semplice raccomandazione può essere importante per tutelarci dall’inquinamento acustico, azionare il timer della tv per non rischiare di lasciarla accesa durante la notte, che può essere seriamente pericoloso anche per altri fattori ambientali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *